4shared
8.9 C
Napoli
giovedì, 27 Gennaio 2022

Disoccupazione e crisi negli Usa : l’Ue non sottovaluti

Da non perdere

Disoccupazione e crisi economica nel mirino degli esperti. L’Europa guarda con preoccupazione a ciò che avviene negli Stati Uniti, dove i numeri sono comunque migliori delle previsioni.

Usa, disoccupazione e crisi economica: l’Ue non può sottovalutare i segnali

Era iniziato tutto nel 2008. Fu l’anno delle crisi nere, quelle che l’Europa “importò” dagli Stati Uniti. Dopo di loro fu colpita l’Unione monetaria e da allora una scossa di sovranismo animò gli Stati europei. Lo spettro che si aggirava nel vecchio continente era cambiato. Il colpo del martello della crisi cadde più forte sui due Paesi che avevano più difficoltà: Grecia ed Italia. Manco a dirlo.

La storia del 2008 ha insegnato una cosa molto importante: se il mercato è globale, se l’economia è globale, allora lo sono anche le crisi. La pandemia di Covid -19 potrebbe dare l’input a qualcosa di tragico. Non si tratta più di riaprire o di chiudere. Le imprese, quelle che erano deboli già prima della pandemia e che a stento riuscivano a stare a galla sul mercato, hanno chiuso o lo faranno a breve. I lavoratori si troveranno per strada, disoccupati.

Negli Stati Uniti, dove si credeva che la disoccupazione sarebbe dilagata, in realtà i sussidi alla disoccupazione sono stati un flop. Nel senso buono del termine: pochissimi ne hanno fatto richiesta. Stando, però, ai dati del Sole 24 Ore le borse sono sotto shock e continuano la loro discesa verso il rosso. Wall Street sarebbe particolarmente preoccupata dalle previsioni sulla disoccupazione post Covid. Tenendo presente che, da ieri ora italiana, lo Stato di New York ha annunciato la riapertura il 22 giugno. Da lunedì via alla fase 2 anche se i morti negli sono circa 700 al giorno ed contagiati dall’inizio della pandemia oltre i 2 milioni.

Leggi anche: Alessandro Di Battista, nuovo leader per il M5S?

image_pdfimage_print

Ultimi articoli