Direzione di 6 musei italiani, 207 candidature

Scaduti il 22 dicembre i termini ultimi per la presentazione delle domande di partecipazione al bando internazionale per la direzione di musei relativo all'anno 2018. 95,7% del totale dei candidati è italiano mentre il restante 4,3% è straniero.

Sei gli Istituti interessati dal bando internazionale emanato nel 2018 per l’affido della direzione di sei determinati musei italiani, tre dei quali collocati in prima fascia, mentre i restanti tre sono collocati in seconda fascia.

Gli istituti appartenenti alla prima fascia sono le Gallerie dell’Accademia di Venezia, la Reggia di Caserta e il Parco archeologico di Pompei, mentre quelli appartenenti alla seconda sono invece il Parco archeologico dell’Appia Antica, il Parco archeologico dei Campi Flegrei e il Palazzo Reale di Genova.
Il totale delle candidature, pervenute da tutta Italia, presentate per una o per entrambe le posizioni, ammonta a 207.

Del numero totale di domande il 95,7% appartiene ad italiani, mentre solamente il restante 4,3% appartiene a stranieri.

Le candidature dovranno ora essere sottoposte a valutazione da parte delle rispettive commissioni, le quali sono costituite da cinque esperti. Sarà così attuata una prima scrematura e una conseguente selezione pari ad un massimo di 10 candidati per istituto.

Si procederà poi alla selezione di una terna di candidati per istituto, che per gli istituti di livello dirigenziale generale saranno sottoposte al Ministro che conferirà l’incarico, mentre per gli istituti di livello dirigenziale non generale, ossia di seconda fascia, saranno sottoposte ai direttori generali dei musei.

Le candidature

Istituti di livello dirigenziale di prima fascia:

  • Accademia di Venezia, 69 domande;
  • Reggia di Caserta, 77 domande;
  • Parco archeologico di Pompei, 48 domande;

Istituti di livello dirigenziale di seconda fascia:

  • Parco archeologico dell’Appia Antica, 99 domande;
  • Parco archeologico dei Campi Flegrei, 73 domande;
  • Palazzo Reale di Genova, 72 domande;


Tra i candidati si annovera anche Massimo Osanna, attuale direttore generale uscente del parco degli Scavi di Pompei, che dovrà concorrere con altri 47 candidati, di cui l’8,3% stranieri. Per questo parco in particolare sono state presentate 60,5% di domande da parte di uomini, mentre gli esterni al ministero sono il 68,8%.

In Campania ci sarà l’affidamento anche della direzione della Reggia di Caserta, a seguito del pensionamento di Felicori, per la quale è stata riscontrata una percentuale di stranieri pari al 5,8%, e del parco Archeologico dei Campi Flegrei, di cui solo il 2,7 per cento delle domande appartiene a stranieri.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO