23.1 C
Napoli
sabato, 24 Settembre 2022

Dipendente chiede pagamenti arretrati, imprenditrice le rompe un dente

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

Dipendente ha chiesto all’imprenditrice i pagamenti arretrati ma ne ha rimediato un dente rotto e un trauma cranico. La donna è stata aggredita con violenza ed ha riportato lesioni di media gravità. È successo a Bari: l’imprenditrice è stata condannata a 6 mesi di reclusione.

Dipendente va a riscuotere gli arretrati, aggredita dall’imprenditrice: trauma cranico e un dente rotto

Il fatto è avvenuto nel 2016 ma la vicenda, da un punto di vista giuridico, si è appena conclusa. La donna si è recata in ufficio per riscuotere gli stipendi arretrati ma sarebbe stata aggredita verbalmente e fisicamente dalla sua datrice di lavoro 56enne. Secondo quanto dichiarato, l’avrebbe spinta contro il muro e colpita con pugni e schiaffi. La vittima ha riportato traumi al volto, lividi, un trauma cranico e un dente rotto.

Nel corso del processo, la titolare 56enne ha negato tutto. Ha sostenuto, invece, di essere stata aggredita dalla sua dipendente. I referti medici, però, non hanno confermato la sua versione. La dipendente ha ricevuto anche un risarcimento danni di 5mila euro.

A luglio 2019 il tribunale di Bari aveva già riconosciuto 2.780 euro di lavoro non retribuito alla dipendente. Non ha creduto alla versione dell’imprenditrice che è stata condannata a sei mesi di reclusione.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli