4shared
4.3 C
Napoli
martedì, 25 Gennaio 2022

Diego Armando Maradona: la leggenda che stupì il San Paolo

Il 3 novembre del 1985, Diego Armando Maradona metteva a segno uno dei gol più incredibili della storia del calcio. Un'azione viva nella memoria dei tifosi partenopei che, ancora oggi, regala grandi emozioni

Da non perdere

Il 3 novembre del 1985, allo stadio San Paolo di Napoli si è tenuto un evento che avrebbe scritto la storia del calcio. In tale giorno, Diego Armando Maradona ha eseguito uno dei gol più belli, e difficili da realizzare, di sempre. Una punizione apparentemente incredibile, ma che in quella partita ha portato al trionfo del Napoli contro la Juventus.

Diego Armando Maradona: l’uomo che realizzò l’impossibile al San Paolo

A distanza di 36 anni, l’azione di Maradona fa ancora scalpore, dà da pensare e ricopre un ruolo molto importante nella memoria di tifosi e appassionati. A destare tanta sorpresa sono le condizioni nelle quali il gol si è verificato: Il pallone era in area di rigore, a circa 16 metri dalla porta.

Dalla barriera partono Cabrini e Scirea, che durante l’impatto sono a 30 centimetri da Maradona. Premesso questo, bisogna sottolineare che effettuare un gol alla sinistra di Tacconi -uno dei portieri migliori di sempre- non era semplice, eppure Maradona ha compiuto il miracolo.

Un evento che ha lasciato basiti gli stessi avversari del Napoli, gli juventini. I giocatori presenti quel giorno hanno vissuto un insieme di emozioni difficili da definire, un misto di adrenalina, paura, eccitazione ed anche sconforto per gli avversari.

Massimo Mauro: lo stupore di chi ha vissuto quel momento

Restano celebri le parole di Massimo Mauro che, incredulo, ha assistito all’azione del giocatore argentino. Nello specifico, Mauro ha dichiarato: “Ero a meno di cinque metri da Diego e da Pecci che si domandava se Il Pibe non fosse impazzito a chiedergli di passargli la palla.

Così vicino da essere tranquillo: “Non può farla passare sopra: è contro le leggi della fisica”, mi dicevo. Ma Diego era la legge del calcio: decise quando la palla doveva alzarsi e quando doveva abbassarsi e noi lì, in barriera, a chiederci come. Delusi, neanche arrabbiati: c’è poco da arrabbiarsi, quando uno ti segna un gol così”.

A distanza di ben 35 anni, la punizione di Maradona resta un caso irrisolto. Un atto di estrema bravura, che rasenta l’inspiegabile. Quando il talento si concretizza in azioni del genere, i risultati sono sempre duraturi, così come le emozioni che li accompagnano.

Questo atto leggendario non è che uno dei tanti realizzati dal Pibe de oro, l’incarnazione della vera anima del Napoli e del suo spirito combattivo.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli