domenica 14 Aprile, 2024
22.6 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

Di Capua e Capurro: ideatori della canzone “O sole mio”

“O sole mio” è una delle canzoni più celebri scritte da  Eduardo Di Capua, in collaborazione con il poeta Giovanni Capurro.

La canzone di Di Capua e Capurro è l’inno della città partenopea ed ha raggiunto fama mondiale.

Dunque, si specifica che in questa canzone, il sole è il riflesso del volto della donna amata del poeta.

Infatti, a Napoli, si è soliti utilizzare l’espressione “Oi ne” per alludere a una ragazza.

Nonostante, i versi siano dedicati a una donna, essi risultano essere di un’elevata umanità, delicatezza e sensibilità da come si evince dal verso:  “Che bella cosa na jurnata ‘e sole // N’aria serena doppo na tempesta!“.

Quindi, cosa ha reso celebre tale canzone in tutto il mondo?

Questa canzone di Di Capua e Capurro ha raggiunto un successo mondiale negli anni perchè il tema centrale è l’amore in ogni forma, celebrando i colori e i sentimenti di Napoli.

Ciò è evidente in tutto il testo:

Che bella cosa na jurnata ‘e sole,
N’aria serena doppo na tempesta!
Pe’ ll’aria fresca pare gia’ na festa…
Che bella cosa na jurnata ‘e sole.
Ma n’atu sole
Cchiu’ bello, oi ne’.
‘O sole mio
Sta ‘nfronte a te!
‘O sole, ‘o sole mio
Sta ‘nfronte a te!
Sta ‘nfronte a te!
Quanno fa notte e ‘o sole
Se ne scenne,
Me vene quase ‘na malincunia;
Sotto ‘a fenesta toia restarria
Quanno fa notte e ‘o sole
Se ne scenne.
Ma n’atu sole
Cchiu’ bello, oi ne’.
‘O sole mio
Sta ‘nfronte a te!
‘O sole, ‘o sole mio
Sta ‘nfronte a te!
Sta ‘nfronte a te!
Ma n’atu sole
Cchiu’ bello, oi ne’.
‘O sole mio
Sta ‘nfronte a te!
‘O sole, ‘o sole mio
Sta ‘nfronte a te!
Sta ‘nfronte a te!
Inoltre, si sottolinea che tale canzone di Di Capua e Capurro è stata utilizzata anche in occasioni ufficiali importanti.
A tal proposito si ricorda:
  • quando Jurij Gagarin, primo pilota che vola nello Spazio, la canta a bordo della sua navicella.
  •  Le prime olimpiadi dopo la Grande Guerra, ad Anversa nel 1920 dove il direttore d’orchestra  apre i giochi con tale partitura, convinto che fosse l’inno d’Italia.