25.8 C
Napoli
martedì, 9 Agosto 2022

Denunciato il figlio di Bossi

Da non perdere

Cinzia Capezzuto
Collaboratore XXI Secolo.

Varese – Riccardo Bossi denunciato dal titolare di una catena di gioiellerie. Il primogenito di Umberto Bossi, è stato accusato di non aver pagato alcuni articoli preziosi del valore di alcune decine di migliaia di euro comprati in una nota catena di gioiellerie.

La gioielleria in questione è la “Dino Ceccuzzi” che lavora in questo settore da più di 60 anni, con sede a Busto Arsizio e Varese. Il proprietario Bruno Ceccuzzi, ha dichiarato all’Ansa: “Riccardo Bossi ha acquistato orologio e gioielli dopo Natale e glieli abbiamo consegnati sulla fiducia anche se non è un nostro cliente abituale, convinti che un personaggio così noto li avrebbe pagati in tempi brevi”, e aggiunge “E’ trascorso del tempo e i soldi non sono arrivati, lo abbiamo contattato diverse volte e lui ci ha detto che sarebbe arrivato un bonifico dalla banca e anche che avrebbe restituito l’orologio. Nonostante le promesse, non abbiamo ottenuto risultati“. Bruno Ceccuzzi sconvolto dall’accaduto si è recato alla polizia di Varese per sporgere denuncia. Ha consegnato alla polizia alcuni filmati delle telecamere di sicurezza presenti nel negozio e ora spera che sia fatta giustizia.

Il gioielliere truffato forse non ha ricordato che Riccardo Bossi è già noto alla cronaca per aver addebitato alla Lega, fra le altre cose, le spese dell’Università, dell’affitto di auto e il pagamento di svariati avvocati.

 

Cinzia
Umberto Bossi e figli

image_pdfimage_print

Ultimi articoli