4shared
13.9 C
Napoli
giovedì, 15 Aprile 2021

Decarbonizzazione industriale: il rapporto della TPI

Le aziende europee sono sulla buona strada per il contratto con Parigi

Da non perdere

La decarbonizzazione industriale è probabilmente la sfida più grande del Green Deal europeo, che mira a ridurre le emissioni europee fino allo zero netto entro il 2050. In uno studio pubblicato questa settimana, il TPI guidato da un proprietario di capitale indipendente ha valutato le società minerarie e i produttori di carta, acciaio, cemento e alluminio di tutto il mondo per scoprire se sono allineati con gli obiettivi climatici dell’accordo di Parigi.

Decarbonizzazione industriale: una delle sfide più grandi del Green Deal europeo 

Il risultato: 95 delle 111 grandi società quotate in borsa studiate (86%) non riescono ad allinearsi con un percorso a 2 ° C o inferiore entro il 2050. Delle 111 aziende dell’industria pesante globale intervistate, solo 16 sono sulla buona strada per rivedere i propri processi di produzione in modo tale da poter soddisfare i requisiti di un futuro climaticamente neutro. Nel complesso, solo il 14% di loro è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di riscaldamento di 2 ° C del trattato internazionale. Sebbene le industrie pesanti siano generalmente considerate difficili da decarbonizzare, il ritmo con cui vengono testati e implementati nuovi modi per ridurre le emissioni è troppo lento, avverte il rapporto.”Sebbene sia preoccupante che così poche aziende industriali siano pronte, è chiaro che i nuovi processi industriali basati sui principi dell’economia circolare ci danno un punto di svolta per soluzioni tecnicamente praticabili ed economicamente interessanti”, ha affermato Adam Matthews, co-presidente di TPI.

Le aziende europee si comportano bene

La ricerca TPI evidenzia in particolare la scarsa performance dei settori dell’alluminio e della carta. Una sola azienda in entrambi i settori (Rio Tinto – in particolare per l’alluminio) è allineata con un percorso di 2 ° C o inferiore entro il 2050.La produzione di acciaio ha offerto un rivestimento d’argento. Mentre solo cinque società erano in linea con gli obiettivi di Parigi per il 2030 lo scorso anno, quest’anno sono otto (28%). Tuttavia, quando si osservano gli obiettivi di Parigi del 2050, solo cinque società soddisfano ancora questa soglia. Secondo gli autori dello studio, questa differenza è dovuta alla velocità della decarbonizzazione pianificata: si prevede che gran parte degli obiettivi per l’industria pesante non sarà raggiunta fino a dopo il 2030, quando nuove tecnologie come l’idrogeno diventeranno più ampiamente disponibili.I produttori di acciaio europei ottengono risultati relativamente buoni. Con Acerinox, Arcelor Mittal, Thyssen Krupp e Voestalpine, quattro europei sono tra i primi 5 e l’azienda olandese-lussemburghese Arcelor Mittal è addirittura il più grande produttore di acciaio al mondo.Il rapporto sostiene che l’economia circolare può aiutare ad affrontare le sfide dei settori “difficili da decarbonizzare” utilizzando nuovi processi per progettare rifiuti e inquinamento e riciclare più prodotti e materiali.

Investimento nella decarbonizzazione

Lo studio TPI serve a informare gli investitori sui rischi di investire in società e settori non adeguatamente preparati per la transizione a basse emissioni di carbonio.

Secondo i ricercatori, l’86% delle aziende che non riescono ad allinearsi agli obiettivi di Parigi valgono 856 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato.

Quando gli investitori attenti al clima a lungo termine tengono conto di questi risultati nel loro processo di investimento, i rischi climatici associati all’86% non allineato saranno significativi rispetto al 14% allineato”, hanno affermato gli esperti dello studio.

Ultimi articoli