32.1 C
Napoli
venerdì, 27 Maggio 2022

De Laurentiis: “Primi in classifica? Merito di Sarri. Il mercato lo fa solamente chi ha le idee confuse”

Da non perdere

Alessandro Montano
Aspirante giornalista sportivo distante un pallone dalla normalità. Crede in un Calcio fatto di domeniche in gradinata e di partite "sventurate" tra amici. Passione, divertimento e spirito di aggregazione la Trinità da rispettare. Sogna di diventare una delle grandi voci della comunicazione sportiva.

In mattinata, a margine di una convention Filmauro a Sorrento, è intervenuto il patron azzurro Aurelio De Laurentiis: tanti gli argomenti trattati: dalla rinascita finanziaria a Sarri, passando per le indiscrezioni di gennaio. Ecco quanto evidenziato dallo staff del XXI SECOLO:

MERITO DELL’ALLENATORE – “Un primato ottenuto grazie al metodo di Sarri, che all’inizio della stagione ha incontrato un po’ di ostacoli. Eppure oggi i calciatori in campo sono perfetti. Hanno assimilato le sue teorie e danno spettacolo. Naturalmente mi auguro di vincere sempre, perciò a Natale potrebbe darsi che avremo maggiori punti in più rispetto alla seconda in classifica”. 

MERCATO DI RIPARAZIONE – “Il mercato lo fa solamente chi ha le idee confuse. Noi le abbiamo chiare. E poi acquistare calciatori nuovi da inserire in questa squadra pronta e rodata significherebbe forse ritrovare le difficoltà di fine estate. Questi gossip solitamente provengono dagli organi di informazione o dai tifosi, che non vivono dal di dentro il nostro spogliatoio. Noi vogliamo viaggiare spediti”.

FINANZE SOLIDE – “Ho raccolto il Napoli al tribunale dei fallimenti e ora siamo il 15° team al mondo. Sugli stessi livelli di Real Madrid e Barcellona. Però questi team, così come quelli governati da oligarchi russi e sceicchi arabi, godono di tanti milioni da investire e con cui appianare i disavanzi. Noi, al contrario, rispettiamo puntualmente quel fair-play finanziario auspicato da Michel Platini. Diciamolo: il Napoli non rappresenta soltanto un esempio imprenditoriale ma pure un fenomeno sociale per il territorio italiano”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli