Dash cam: l’occhio vigile per la nostra sicurezza

Ogni anno ci sono molte novità  nel campo della  tecnologia,  strumenti  sempre  più
all’avanguardia e sempre più multifunzionali. Conosciamo oggi la Dash cam.

Cosa è una Dash cam?

Dash cam è un’abbreviazione di “dashboard camera”, piccola telecamera da  cruscotto.

La Dash cam, infatti, è una piccola telecamera che si installa a bordo di un automobile o di un qualsiasi altro veicolo. Ultimamente questo strumento tecnologico, già diffuso in molte parti del mondo, sta prendendo piede anche in Italia.

La Dash cam è sostanzialmente una piccola telecamera che  registra su un supporto di
memoria, un certo numero di immagini a seconda della capacità appunto della memoria, e in automatico la camera cancella via via le immagini più vecchie. Il particolare più interessante di questa mini telecamera è che le registrazioni possono essere usate legalmente, in caso di incidente, da assicurazioni e polizia. In molti casi risultano molto utili per risparmiare sulle assicurazioni auto e a proteggerci in caso di controversie assicurative. Inoltre, la Dash cam può scoraggiare i tentativi di truffa, come quella dello specchietto o di chi si butta sull’auto fingendo di essere stato investito.

Sono aumentati di molto gli automobilisti che hanno installato la dash cam, però in Italia
questi macchinari sono legalmente utili solo a determinate condizioni, le regole generali
per il rispetto della privacy: il campo visivo della cam deve essere ristretto alla sola strada, le registrazioni non possono essere diffuse a terze persone, la cam può essere utilizzata solo da una persona fisica per l’esercizio di attività esclusivamente personali e se il dispositivo registra anche l’audio, i passeggeri dell’auto devono esserne informati.

Ci sono cam da cruscotto che vanno collegate alla presa accendisigari, mentre altre sono dotate di batterie interne e, a seconda del modello si accendono automaticamente all’avvio dell’auto e iniziano già da subito a registrare. In genere segnano data e ora di registrazione e alcune sono dotate di un sensore GPS per rilevare la posizione e la velocità del veicolo.

Ne esistono diversi modelli in commercio dalle più semplici a quelle che registrano immagini anche con il sonoro. Ce ne sono poi altre chiamate “dual camera” perché dotate di due telecamere da posizionare sul parabrezza e sul lunotto, in modo da registrare quello che accade davanti e dietro al veicolo.

Ma per fare un buon acquisto, la piccola telecamera deve essere dotata di molte caratteristiche funzionali di primo livello. Una buona Dash cam deve avere un campo visivo ampio che permetta di vedere tutta la strada davanti a noi, che possa far decifrare bene tutto l’accaduto, e che abbia una buona qualità dell’immagine anche al buio o durante i temporali. In più una Dash cam, per praticità dovrebbe avere una doppia modalità di alimentazione, cioè sia con batterie che con cavo.

Ogni Dash cam contiene un proprio kit di supporto e montaggio, normalmente adesivo o a ventosa.

Quindi, la Dasch cam è un prodotto tecnologico che sta dimostrando, col passar del tempo, di essere uno strumento sempre più utile per  la sicurezza degli automobilisti, per le assicurazioni e per le forze dell’ordine.

Print Friendly, PDF & Email

47 anni, nata a Taranto, vive in Toscana nella provincia di Siena. Promoter . Amo leggere e cucinare.

more recommended stories