25.3 C
Napoli
martedì, 9 Agosto 2022

La danza a sostegno della Terra dei Fuochi

Da non perdere

Emanuela Iovinehttps://www.21secolo.news
Ambiziosa, testarda e determinata. Napoletana ma residente a Gallarate. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", presentando una tesi dal titolo: "Tendenze Linguistiche del Giornalismo dalla carta al web". Iscritta dal Novembre 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania. Diplomata nel Giugno 2013 in danza classica e moderna e attualmente docente di lettere.

Si celebra in tutto il mondo giovedì 20 novembre il 25esimo anniversario della Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. Per quest’occasione, in molte città d’Italia ma non solo, sono state organizzate iniziative di solidarietà.

diritti infanzia
diritti infanzia

Il capoluogo campano ad esempio è stato scelto da Kledi Kadiu, da anni testimonial UNICEF come location di uno spettacolo di danza a scopo benefico e il cui ricavato sarà devoluto per i progetti avviati da Don Maurizio Patriciello, a sostegno dei ragazzi della Terra dei Fuochi. La data scelta per tale evento è il 23 novembre 2014 nella sede del Teatro Politeama di Napoli alle ore 18:30 con la partecipazione eccezionale di tante stelle della danza e dell’attore, Nino Banfi. Oltre a Kledi e alla sua amica nonché collega, Anbeta Toromani si avrà il piacere di poter ammirare anche esibizioni di altri grandi ballerini tra cui: Alessandro Macario; Claudia Vecchi; Noemi Arcangeli; Susana Riazuelo; Rezart Stafa; Dorian Grori; Hector Buddla; Stefania Figliossi; Edmondo Tucci e tanti altri. Nel corso della serata si susseguiranno dunque coreografie di contemporaneo e neoclassico e vedremo Anbeta, ex concorrente del programma Amici di Maria de Filippi e attualmente professionista nel programma nelle vesti della Carmen di Amedeo Amodio.

Recentemente Kledi ha poi dichiarato: “Napoli e in generale il territorio campano è ricco di arte e di storia, ma è molto triste dover ammettere che nonostante le tante scuole di danza presenti qui sono ben poche le persone che presenziano ai vari balletti. Il mio obiettivo è quello di voler trasmettere la qualità di questa disciplina ed avvicinare sempre più giovani ad essa, magari cominciando proprio da quest’iniziativa”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli