4shared
7.7 C
Napoli
mercoledì, 19 Gennaio 2022

Massimiliano Cuomo, candidato al comune di Napoli

Da non perdere

Siamo entrati ufficialmente nell’ultima settimana di campagna elettorale riguardo le amministrative 2016 di Napoli. Per avere un quadro più chiaro abbiamo intervistato Massimiliano Cuomo: candidato alle elezioni comunali nella lista civica Italia 20.50 Napoli Concreta, che sostiene Lettieri Sindaco. Com’è cominciata questa avventura?

Premetto che non sono un “politico”, infatti preferisco definirmi  un “uomo del fare”, poiché io sono l’uomo che già agisce e, nel mio piccolo, esisto e contribuisco sul territorio campano.  Nella mia carriera, fino ad oggi, mancava l’esperienza politica. Così, mi sono lanciato in questa avventura con grande entusiasmo, sostenuto dai più e, soprattutto, dalla mia famiglia. Ho deciso di scendere in campo perché amo la mia terra ed, avendo i figli ancora piccoli, spero abbiano il privilegio di crescere in una città più vivibile della Napoli di oggi, istituzionalmente e amministrativamente parlando.

M.Cuomo e G.Samorì
M.Cuomo e G.Samorì

Il nome di questa lista è molto originale e crea attorno ad essa tanta curiosità.  Come mai hai deciso di candidarti in una lista civica semi-sconosciuta? Non era più facile attirare consensi in una lista già navigata?  

Si, probabilmente sarebbe stato facile candidarsi dove, secondo i sondaggi, sarei stato avvantaggiato. Ma, come ho detto, non mi intendo di strategie politiche. La lista Italia 20.50 comprende 40 candidati, per lo più liberi professionisti, che come me non hanno bisogno di vivere di politica. Il presidente della lista, Gianpiero Samorì (ex MIR), ha registrato il nome pensando a quella fascia di persone che va dai ventenni, in quanto hanno diritto ad un futuro, fino ed oltre ai cinquantenni che, a loro volta, hanno diritto alla serenità.

Sappiamo che sei Presidente alla Commissione Finanze del C.A.D. sociale (Centro Ascolto Sociale) presente in 32 Nazioni del mondo e che hai un’ agenzia di brokeraggio assicurativo.  Riassumendoci brevemente alcuni punti del tuo programma elettorale, qual è il tuo impegno per Napoli?  

Non sono solito fare discorsi retorici e già sentiti che cominciano con il “io farò, io dirò, io aggiusterò…”.  No, Massimiliano Cuomoio sono una persona che guarda oltre. Adesso bisogna guardare al futuro: il nostro futuro sono i nostri figli. Il progetto sul quale GIA’ STIAMO LAVORANDO si chiama “Verde Regno“. Consiste nella formazione, in ogni municipalità, di spazi ludici, ricreativi ed educativi per i bambini delle famiglie meno abbienti. Sono veri punti di socializzazione dove è possibile seguire corsi di recupero, corsi di lingue, doposcuola  a costi ridotti, quasi nulli.

Stiamo costituendo una cooperativa di pronto intervento H24 di servizi globali dove lavoreranno piccoli e medi artigiani. Se hai un mestiere fra le mani o vuoi impararlo, grazie alla rete di contatti della cooperativa è possibile lavorare. Fra tutti, abbiamo riservato un posto ad honorem alle guide turistiche, perchè secondo il mio parere il turismo va costantemente alimentato. Napoli, è una città piena di storia per cui nel quartiere Chiaia ho ramificato l’associazione culturale “Tempio della Musica Napoletana”  dedicata ai turisti che vogliono avvicinarsi alla cultura e alla tradizione musicale partenopea.

Sono sensibile anche ai temi riguardo la prevenzione ambientale, il verde pubblico e la sicurezza stradale. Non a caso, sono anche Presidente del G.A.N. (Guardia Ambientale Nazionale) che grazie ad una fitta rete di volontari retribuiti, che conto di ampliare ulteriormente, presenziamo a manifestazioni al fianco del Servizio Civile, Croce Rossa  e Vigili urbani. Il mio contributo è anche sociale in quanto, insieme ad altri colleghi, gestisco un banco alimentare nella sede L.A.I.C. (Libera Associazione Invalidi Civili), sita al centro di Napoli e facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici.

Il mio impegno per Napoli è quantificabile in tutti questi progetti già presenti sul territorio. Il voto che date a me, in realtà, è dato alla città di Napoli e a voi stessi.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli