25.8 C
Napoli
giovedì, 7 Luglio 2022

La coscienza sfida la morte fisica

Da non perdere

Secondo uno studio dell’Università di Southampton, la coscienza sopravviverebbe alla morte fisica; nella fattispecie essa sarebbe in grado di continuare ad esistere, anche se per pochi minuti, nonostante un arresto cardiaco fatale per il soggetto in questione.

Si tratta di una ricerca effettuata dalla citata Università britannica che ha raccolto le testimonianze di circa centoquaranta sopravvissuti all’arresto cardiaco, che riferivano di esser stati consapevoli di tutto ciò che accadeva intorno a loro, nonostante il loro cuore avesse smesso di battere. Ci troviamo, senza ombra di dubbio, di fronte ad un’esperienza davvero singolare, che di certo non attesta con assoluta incontrovertibilità l’esistenza della vita dopo la morte, ma che di certo prova che in quella manciata di minuti quelle persone possono essere consapevoli della realtà circostante.

È d’uopo specificare che i casi portati alla luce da questo particolare studio sono relativi a pazienti dichiarati deceduti da un punto di vista clinico, quindi se è vero che non si può avere la certezza assoluta che tale tipo di esperienza sia sperimentabile e quindi vera per tutti, di certo dovrebbe far riflettere anche i più scettici su tale argomento. Tra l’altro questa è la prima volta nella storia della scienza medica che si effettua un tale tipo di studio e che si arriva a concludere che la coscienza vive al di là della morte fisica.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli