4shared
8.5 C
Napoli
venerdì, 21 Gennaio 2022

La coscienza lascia la firma nel cervello

Da non perdere

Nello stato vegetativo sono state scoperte delle tracce della coscienza all’interno del cervello, delle firme autenticate della sua presenza. A constatare ciò l’elettroencefalogramma che sottolinea la funzionalità di alcuni circuiti nervosi che evidenziano l’attività della coscienza anche laddove essa è ritenuta assente, come per l’appunto il coma vegetativo. A fare questa importante scoperta è l’Università britannica di Cambridge, che fornisce alla medicina le informazioni necessarie per individuare quei pazienti allettati, impossibilitati a comunicare ma coscienti.

cervello.1

Per rilevare la presenza o meno della coscienza sono necessari un elettroencefalogramma molto denso, capace di individuare e registrare con cura e precisione l’attività del cervello, e la teoria matematica dei grafi, utile nello studio della rete neuronale alla base della coscienza.

Grazie a queste operazioni, gli studiosi di Cambridge hanno posto in relazione il cervello di persone sane con quello di 32 pazienti soggetti a stato vegetativo o a stato di minore coscienza.

cervello.2

Questa ricerca ha messo in evidenza che i circuiti cerebrali, che soggiacciono alla coscienza, sono evidentemente compromessi nei pazienti in coma vegetativo, ma ciò non è sempre vero. Infatti lo studio ha rilevato una struttura neuronale ben conservata, che per l’appunto lascia la sua firma nel cervello.

I ricercatori affermano di essere fiduciosi di recuperare i circuiti cerebrali lesi ancor prima degli eventuali segni di miglioramento, ma sono cauti nell’asserire di poter risolvere tutti i casi di ammalati in stato vegetativo.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli