Corteo a Napoli a favore dei migranti

acquarius_migranti_xxisecolo
acquarius

Napoli è una città accogliente e il suo popolo non riconosce divisioni di razza e discriminazioni. Questo è il messaggio inviato ieri dai collettivi della rete antirazzista che hanno organizzato una grandiosa manifestazione per dire “no” alla decisione del Governo di chiudere i porti e respingere le imbarcazioni cariche di migranti in arrivo verso le nostre coste. Le bandiere della lega del M5s e della lega sono starte imbrattate di rosso, a rappresentare il sangue dei migranti, sono stati scanditi cori rabbiosi e decisi al grido di “aprite i porti, mandiamo via Salvini”, “assassini”, “tutto il mondo detesta Salvini”, mentre il corteo si muoveva da Piazza Garibaldi fino ad arrivare a largo Berlinguer. Ad aprire il corteo uno striscione che riportava la scritta “aprite i porti, welcome refugees”.

Dopo il presidio i manifestanti si sono diretti davanti alla prefettura e poi alla Stazione Marittima.

Sono apparsi striscioni anche in inglese e francese, a ribadire la responsabilità degli altri paesi europei in questa storia drammatica ed assurda, che ha visto le logiche burocratiche prevalere sul senso di umanità e compassione verso un gruppo di disperati, tra cui donne, vecchi bambini, oltre a sette donne incinte, che non avevano altra possibilità per sopravvivere che fuggire dalla loro terra martoriata da carestie, guerre, siccità. Spesso la fuga è l’unica opportunità per questi individui, tuttavia l’opinione pubblica e la politica preferiscono sancire la loro sentenza di condanna indiscriminata verso di loro, si chiudono porti, si alzano barriere, si ha paura di chi vuole solo lottare per conservare il proprio diritto a sopravvivere. e noi? Cosa faremmo noi al loro posto?

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO