Coronavirus, colpiti anche Austria e Tenerife Il Coronavirus si espande. Primi casi in Ue e Medioriente in pericolo.

Il Coronavirus si fa strada in Europa e sul Mediterraneo.

A poche ore di distanza dalla comunicazione di un caso a Palermo e dal cordone sanitario attuato a Codogno, il Coronavirus si espande in Europa.

La prossimità con l’Italia, primo paese Ue ad accertare casi di contagio, ha colpito in Austria, dove due persone sono state rinvenute nel Tirolo.

Una delle due persone accertate proveniva dall’Italia.

Maggior allerta proviene invece dalla costa spagnola nel Mediterraneo, precisamente a Tenerife dove il numero dei contagi accertati sale a 1000 persone.

Queste sono state messe in stato di quarantena dopo la positività di un medico italiano, le cui condizioni sono al momento ancora buone e l’analisi dei familiari e risultata negativa al virus.

Le autorità hanno però deciso di isolare l’intera struttura per effettuare i controlli dovuti, proprio per questo  l’albergo restarà in quarantena per almeno 14 giorni, onde evitare  il rischio di altri contagi.

Proprio in questo momento si stanno ripercorrendo i passi del medico, per cercare di ricostruire i suoi ultimi giorni e sottoporre tutte le persone che vi sono entrate in contatto ai test appropriati.

Ma la situazione peggiore inerente al contagio sembra essere in Iran e in Corea del Sud.

I contagiati aumentano ad ogni ora e a Teheran dove è risultato positivo al test il viceministro alla Sanità iraniano Iraj Harirchi.

La repubblica islamica iraniana ha fino ad ora accertato circa 95 casi di Coronavirus e 15 morti, stando a quanto riferito dal portavoce della salute da Ankara Kianoush Jahanpour

La Turchia ha inoltre messo in stato di quarantena un veicolo aereo partito dalla capitale iraniana e diretto ad Istanbul.

L’aereo è fermo in questo momento ad Ankara, dove i passeggeri vengono sottoposti al consueto test.

Si pensa che siano oltre 10 i casi di Coronavirus ma al momento non vi sono certezze se non i risultati dei test che dovrebbero arrivare quanto prima.

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories