Coppa Italia Napoli Sassuolo 2-0 azzurri ai quarti

Il Napoli vince, senza Hamsik, Mertens e Allan e si lancia alla caccia della Coppa.

Arkadius Milik ancora protagonista

Serata di calcio per pochi intimi allo stadio San Paolo. Meno di 20.000 spettatori paganti per un ottavo di coppa Italia, partita che evidentemente non ha scaldato gli animi dei napoletani .

Ancelotti, mette in campo una formazione prudente, schierando un 4-2-3-1.In porta rientra David Ospita,  linea difensiva a quattro, con Maksimovic al posto di Albion,  infortunato e Mario Rui, sulla fascia sinistra al posto di Ghoulam.A centrocampo Diawarà finalmente titolare al primo minuto con Fabian Ruiz, in attacco  Callejon, Ounas e Insigne con  Milik centravanti.

Assente quindi Allan, di cui in questi giorni si fa un gran parlare per la trattativa con il Paris saint-germain, Hamsik e Mertens.

Sassuolo con  suoi gioielli, Berardi e soprattutto  Sensi, nel mirino delle Big,  con il Milan in prima fila che lo vorrebbe già in questa finestra di mercato.

Parte subito forte il Napoli che si installa nella metà campo nero verde, dopo i primi tre minuti di assestamento in cui il Sassuolo si fa vedere per ben due volte nell’ area partenopea, gli azzurri prendono le chiavi della gara, cercando di mettere pressione agli avversari. Molto geometrico e tecnico il  centrocampo, con il doppio play, Diawarà e Fabian, che si alternano nello smistare il gioco ed è solo questione di tempo,  al 14′ infatti dopo le schermaglie iniziali,  alla prima vera occasione gli azzurri vanno in vantaggio. Bella combinazione sulla sinistra tra Ounas e Insigne, con il franco algerino, che lancia bene Lorenzo sulla fascia, il capitano si incunea e di esterno calcia al centro, Peluso respinge come può, ma la palla carambola  sul petto di Milik, che l’accompagna in rete. Micidiale il polacco per frequenza, che realizza l’undicesimo goal stagionale. Se a questo punto tutti si attendono il dilagare del Napoli, devono però ricredersi, gli uomini di De Zerbi, infatti non si disuniscono e anzi ribattono colpo su colpo  creando occasioni e arrivando anche al goal, al 35′ con Berardi, che su bel tiro di Locatelli, respinto da Ospina, mette alle spalle dell’estremo difensore. I  partenopei però protestano per un fallo di mano iniziale di Locatelli e l’arbitro dopo la consultazione al VAR, annulla. Il Sassuolo non demorde e lo dimostra il possesso palla, che alla fine del primo tempo segna un 50% a testa.

Nella seconda frazione di gioco i nero verdi continuano come avevano terminato la prima parte e solo l’ennesima prestazione “monstre” di kalidu Kulibaly, vero muro difensivo, pone un argine agli ospiti. Carlo Ancelotti nella incertezza della gara corre ai  ripari facendo uscire Ounas al posto di Allan e spostando Fabian Ruiz sulla sinistra al fianco di Milik.  L’esperimento da i suoi risultati e al 74′  ancora Milik si avventa come un falco su un pallone recuperato da Diawarà e dal limite del fondo serve un assist al bacio per Fabian Ruiz, che di prima intenzione, di sinistro, trafigge un incolpevole Peluso.  La partita sul doppio vantaggio azzurro volge così al termine, si registrano infatti solo una parata prodigiosa di Ospina, sulla ennesima coraggiosa sortita del Sassuolo e sopratutto il debutto del giovane Gaetano, talentuoso attaccante, promessa azzurra della primavera, che al 93′ ha addirittura la palla che lo avrebbe reso l’uomo della serata.

Termina così Napoli Sassuolo con gli azzurri che grazie alla vittoria si guadagnano l’accesso ai quarti dove troveranno il Milan di Gattuso, vincente a Genova contro la Sampdoria.

Non demeritano assolutamente gli uomini di De Zerbi, che hanno mantenuto il risultato in bilico fino all’ultimo minuto, onorando un ottavo di finale con una prestazioni, brillante e vivace.

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Ruiz, Diawara; Callejon (37′ st Younes), Ounas (26′ st Allan), Insigne; Milik (45′ st Gaetano). A disposizione: Meret, Karnezis, Ghoulam, Zielinski, Luperto, Malcuit, Rog. Allenatore: Ancelotti

SASSUOLO (4-3-3): Pegolo; Lirola, Magnani, Peluso, Rogerio (37′ st Dell’Orco); Locatelli, Sensi, Duncan; Berardi, Boateng (25′ st Boga), Djuricic (24′ st Babacar). A disposizione: Satalino, Brignola, Matri, Bourabia, Consigli, Trotta, Magnanelli. Allenatore: Berardi

ARBITRO: Chiffi di Padova

MARCATORI: 15′ pt Milik, 29′ st Ruiz

NOTE: Ammoniti: Maksimovic, Ounas, Mario Rui (N), Berardi, Magnani, Locatelli, Peluso (S). Recupero: 1′ e 5′. Calci d’angolo: 1-1

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO