17.1 C
Napoli
domenica, 2 Ottobre 2022

Concluso il Prix de Lausanne 2015

Da non perdere

Emanuela Iovinehttps://www.21secolo.news
Ambiziosa, testarda e determinata. Napoletana ma residente a Gallarate. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", presentando una tesi dal titolo: "Tendenze Linguistiche del Giornalismo dalla carta al web". Iscritta dal Novembre 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania. Diplomata nel Giugno 2013 in danza classica e moderna e attualmente docente di lettere.

Si è conclusa presso il Théâtre de Beaulieu la 43esima edizione del Prix de Lausanne, concorso internazionale che ha lo scopo di valorizzare giovani talenti di età compresa tra i 15 e i 18 anni.

Tra i 67 ragazzi selezionati e provenienti da tutto il mondo, solo 20 sono giunti alla finale e scelti da una giuria tecnica composta da nove membri che per cinque giorni li ha osservati nelle varie discipline. La giuria presieduta da Cynthia Harvey, étoile dell’American Ballet  e del Royal Ballet dopo attente valutazioni ha deciso di laureare 6 partecipanti, quattro ragazzi e due ragazze. A vincere quest’edizione del concorso è stato l’australiano Lee Harrison, di appena 15 anni, e a seguire si sono distinti: la sud coreana Park Jisoo; il giapponese Ito Mitsuru; il portoghese Miguel Pinheiro; la giapponese Kanehara Rina e l’americano Julian MacKay. Il premio del pubblico è stato invece assegnato alla svizzera Spichting Lou.

Tra i partecipanti anche due ballerini italiani e a loro va tutto il nostro riconoscimento: essere arrivati al Prix de Lausanne è da considerarsi già un grande successo, nonché trampolino di lancio per una brillante carriera futura.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli