Il Comune e i cittadini contro l’affissione abusiva

manifesti_abusivi_21_secolo
manifesti abusivi

Uno dei problemi ‘indirettamente’ collegati alle campagne elettorali è il fenomeno dell’affissione abusiva. Sempre più spesso ci troviamo dinnanzi a manifesti elettorali che deturpano le mura della città, ma incitano alla legalità, alla voglia di cambiare, non rispettando la disciplina in materia di affissione di tali manifesti.

Per questo motivo il Comune di Napoli, in vista delle prossime elezioni, comunica di aver iniziato la sua lotta al fenomeno dell’attacchinaggio selvaggio e abusivo di manifesti, che siano elettorali o semplicemente pubblicitari. In questa lotta si chiede il pieno coinvolgimento dei cittadini, i quali attraverso la posta elettronica, i social network, o una semplice telefonata possono segnalare tali abusi. Infatti, sul sito del comune di Napoli, si legge che è possibile: inviare segnalazioni e foto all’email manifestiabusivi@comune.napoli.it; si può utilizzare l’account Twitter @comunenapoli, a cui è possibile far pervenire foto ed indirizzo del manifesto abusivo utilizzando l’hashtag #manifestiabusivi; inoltre, è stata creata una pagina Facebook ufficiale “Segnalazione Manifesti Abusivi – Comune di Napoli” su cui è possibile effettuare segnalazioni lasciando un post; ancora, si può compilare un modulo on-line presente nel sito del Comune; o i più tradizionalisti possono inviare un fax al Comune di Napoli, ai numeri 081/7959001 o 081/7959003.

Le segnalazioni non sono fini a sé stesse, ma prevedono una collaborazioni con le autorità competenti. Le segnalazioni sono inoltrate al Servizio Polizia Municipale per le sanzioni e a Napoli Servizi per le deaffissioni. Un sistema di collaborazione che fino ad oggi ha prodotto 2000 verbali a fronte di un totale di 2400 infrazioni.

Il servizio è stato attivato dall’Assessore al Lavoro e alle Attività produttive, Enrico Panini, il quale ha dichiarato: «Il nostro contrasto all’attacchinaggio selvaggio e abusivo una pratica illegale che umilia e offende, senza alcun rispetto per la collettività, le vie dell’arte e le strade di Napoli va dunque avanti in maniera sempre più forte e decisa».

Print Friendly, PDF & Email

Collaboratore XXI Secolo.

more recommended stories