Chiude una casa editrice italiana

Casa editrice chiude i battenti

Dopo aver ricevuto una bella batosta sui dati di lettura italiani, il nostro Paese si ritrova, ancora una volta, ad assistere inerme agli effetti della crisi italiana, soprattutto a quella del libro.

La casa editrice R.E.I., il cui catalogo spazia dalla narrativa, alla saggistica, alla poesia e a numerosi manuali, ha pubblicato sul sito un avviso ufficiale: cessata attività. La chiusura definitiva e il trasferimento in Francia hanno, sicuramente, ragioni di natura economica come esenzioni e maggior supporto all’attività. Ancora una volta ci rendiamo conto di come la cultura in Italia venga sottovalutata.

La R.E.I. di Rifreddo, un piccolo comune piemontese vicino al confine con la Francia, fondata da Italo Degregori, è una piccola realtà editoriale che ha tentato di farsi strada in un paese dove solo le maggiori società riescono ancora a sopravvivere, spesso a discapito della qualità delle pubblicazioni ma puntando solo alla quantità.

I motivi non sono stati resi noti sul sito, ma seguiranno, prossimamente, aggiornamenti.

Print Friendly, PDF & Email

Collaboratore XXI Secolo. Laureata in Editoria e pubblicistica, frequenta la magistrale in Editoria e scrittura all'Università Sapienza di Roma. Ha una passione smisurata per i libri. Lavora come editor freelance e sogna di aprire una casa editrice. Ha un blog di recensioni e anteprime. È socia fondatrice della libreria "iocisto" di Napoli e si occupa dei contatti con gli editori.

more recommended stories