4shared
5.6 C
Napoli
domenica, 23 Gennaio 2022

Carola Rackete non doveva essere arrestata

Secondo la cassazione la comandante della Sea Watch non doveva subire l'arresto

Da non perdere

Respinto dalla Corte il ricorso della Procura di Agrigento, contro l’ordinanza dello scorso luglio, che aveva messo in libertà Carola Rackete, la comandante della Sea Watch che aveva forzato il blocco navale e fatto sbarcare oltre quaranta migranti a largo di Lampedusa.

Per questo la donna era stata accusata di violazione del decreto sicurezza bis, e del codice di navigazione, oltre al favoreggiamento di immigrazione clandestina.

La stessa Carola ha sottolineato l’importanza del verdetto della Corte, fondamentale per tutti gli operatori umanitari impegnati a salvare vite nel Mediterraneo.

Luigi Patronaggio, procuratore di Agrigento aveva imputato alla comandante inoltre il reato di resistenza a pubblico ufficiale e violenza contro una nave da guerra, che era stata urtata durante la forzatura del blocco.

 In seguito però il gip di Agrigento, Vella, aveva scelto di non convalidare l’arresto della Rackete, in quanto quest’ultima ” avrebbe semplicemente adempiuto a un dovere”.

Queste ultime dichiarazioni avrebbero portato poi, alla decisione della Corte di rigettare il ricorso promosso da Patronaggio e quindi  di rendere nulli i capi d’accusa.

Non conosciamo ancora le motivazioni ma adesso sappiamo con certezza che avevamo ragione noi: Carola Rackete non andava arrestata” queste le dichiarazioni dell’avvocato Leonardo Marino,  legale della comandante tedesca.

Le dichiarazioni di Salvini non si sono fatte attendere  che, da Riace, ha parlato di ingiustizia del sistema italiano rispetto ”ad una signorina tedesca che ha messo a repentaglio dei militari italiani e che non debba poi  essere processata”.

 A tali dichiarazioni ha risposto poi il parlamentare di sinistra  Nicola Fratoianni, sottolineando la differenza che c’è tra chi ha salvato degli esseri umani e chi invece mette continuamente in condizioni di pericolo delle persone fragili e in estrema difficoltà.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli