mercoledì 24 Luglio, 2024
28.3 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Cani e gatti: dispositivi per ritrovarli in caso di fuga

Oramai sono sempre più numerose le persone che hanno in casa uno o più animali, in particolar modo gatti e cani. 

Collari GPS e tecnologia avanzata per ritrovare cani e gatti

I padroni dei cosiddetti “amici a quattro zampe”, sono spesso accomunati dalla paura di perdere il proprio animale o di non trovarlo più. 

A tal proposito, la tecnologia, sempre più avanzata, mette a disposizione dei collari GPS che permettono di localizzare il proprio animale.

I collari GPS, dai costi e dalle caratteristiche differenti, consentono di ritrovare velocemente un animale, con una semplice geolocalizzazione e quindi con l’ausilio di un’applicazione ad essa collegata.

Oltre ai dispositivi GPS, esistono anche delle micro-telecamere da applicare direttamente al collare, per controllare in qualsiasi momento cosa stia facendo o dove sia il proprio “pelosetto”.

La localizzazione GPS utilizzata per animali si basa sullo stesso meccanismo di un normale localizzatore GPS. La posizione del cane o gatto è rilevata grazie all’antenna GPS montata sul localizzatore per animali e trasmessa direttamente ad un’applicazione, presente su computer, smartphone o tablet. Un meccanismo preciso che permette di rilevare immediatamente la posizione precisa del proprio cane o gatto.

Oltre ai collari GPS, e alle micro-telecamere, per gli amanti dei gatti e dei cani, esistono anche dei localizzatori a radiofrequanza portatile.

Si tratta di una targhetta (naturalmente leggera) da applicare al collare del proprio animale, e che fa capo ad un ricevitore in possesso del proprietario. Man mano che ci si avvicina all’animale le luci cambiano colore, passando dal rosso all’arancione fino al verde.

Per richiamare il proprio gatto o cane che sia, basta semplicemente inviare un segnale sonoro alla targhetta. 

Per quale motivo scappano?

Sfatiamo il mito secondo il quale un gatto o un cane che si allontanano dal proprio spazio lo facciano perchè probabilmente stiano per morire, nessun aspetto scientifico sottolinea correlazione tra i due aspetti.

I gatti e i cani si allontanano per diversi fattori, o semplicemente perchè affetti da qualche disagio. 

Un altro aspetto assolutamente errato, è la convinzione che un gatto sappia ritrovare autonomamente la strada per ritornare a casa. Anche in questo caso, nulla di più errato, un felino, soprattutto se domestico, non è capace di ritrovare la strada per far rientro nel proprio ambiente. Scappando inoltre, si espone a diversi rischi, ritrovandosi in grave pericolo.

Tale discorso ovviamente vale sia per i gatti che per i cani, e dunque, ecco perchè nel corso degli anni sono nati vari dispositivi per aiutare in caso di smarrimento o allontanamento provvisorio.

I veterinari, per evitare eventuali allontanamenti, consigliano diversi accorgimenti.

Innanzitutto, l’ambiente dove vivono i nostri amici a quattro zampe dev’essere confortevole, positivo e tranquillo.

Non bisogna mai spostare (qualora un animale fosse abituato ad espletare i propri bisogni in casa) la cassettina con la sabbietta in cui sono soliti andare nei momenti di necessità. 

Dargli tanto amore, coccolarli, giocare con loro, ma anche vaccinarli, sterilizzarli e premiarli con rinforzi positivi. Tutto ciò contribuirà a rendere l’animale sicuro di sè, amorevole e tranquillo, e si eviteranno situazioni spiacevoli di allontanamento.