24.7 C
Napoli
lunedì, 29 Maggio 2023

Cani, è allarme bruco Killer

Da non perdere

Giovanna Castrovinci
Giovanna Castrovinci
24 anni , nata a Napoli, studia Lingue e Culture comparate presso L'università l'Orientale, è da sempre affascinata dalle culture, dai linguaggi, dalle tradizioni straniere. Interessata all'arte in tutte le sue forme, dalla poesia alla fotografia. Amante della musica, in particolar modo dei Queen e dei Rolling Stones.

Si chiama “processionaria”  il bruco letale per i nostri amici a 4 zampe. E’ un lepidottero della famiglia dei taumatopeidi, e deve il suo nome alla caratteristica abitudine di muoversi sul terreno in fila, formando una sorta di ‘processione’. Il contatto con i peli urticanti che ne ricoprono il corpo può provocare addirittura la morte.

Per fortuna le processionarie preferiscono passeggiare tra querce e pini, ma meglio prestare attenzione, dato che i peli urticanti, se sprigionati nell’aria, possono colpire anche senza contatto diretto: attenzione quindi a dove mette il musetto il cane, soprattutto se si tratta di un cucciolo curioso.

In caso di contatto, i primi sintomi per riconoscere l’inizio del processo infiammatorio sono: improvvisa e intensa salivazione; ingrossamento della lingua, che può portare al soffocamento; febbre; vomito e diarrea emorragica. Se riscontrate uno di questi sintomi, è bene allontanare immediatamente il cane dalla sostanza urticante, portarlo in un posto sicuro ed effettuare un abbondante lavaggio con una soluzione di acqua e bicarbonato. Aiutarsi, nel caso, con una siringa senza ago per spruzzare la soluzione nella bocca del cane. Dopo aver effettuato una prima cura di emergenza, è necessario recarsi con urgenza dal veterinario.

Con l’arrivo della stagione calda si potrà godere di lunghe e piacevoli passeggiate all’aperto, ma occhi vigili, in particolar modo nelle vicinanze di pini e querce.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli