Camorra: estradizione concessa per il boss Fiorente

arrestato_Pasquale_Fiorente_21secolo_Domenico_Papaccio

La notizia è arrivata questa mattina soltanto, ma già da tempo si preparava l’arrivo in Italia, a seguito del via libera dello stato del Cile, del boss della Dama Bianca Pasquale Fiorente, riportato nel nostro paese grazie alla cooperazione internazionale della polizia criminale.

Pasquale Fiorente, di età 40 anni e residente a Torre Annunziata (NA), fu arrestato nel 2016 in Cile dopo una lunghissima latitanza dalla polizia internazionale con l’accusa di narcotraffico internazionale, finalizzato all’esportazione di cocaina in Europa dall’America Latina.

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, il “Fiorente” sarebbe a capo di un “cartello” capace di collegare i maggiori paesi produttori di stupefacenti quali Colombia e Messico ed i loro “machicos” – cioè i criminali detentori dei cartelli latini degli stupefacenti – con il nostro paese, creando un canale atto a rifornire tutti i principali mercati della droga, legati ai principali gruppi della criminalità organizzata presenti nella nostra penisola, soprattutto in Campania .

La vicenda del Fiorente e del suo canale emerse nel Marzo del 2013, a seguito dell’arresto presso l’ aeroporto di Fiumicino di Roma di Federica Gagliardi, detta la “Dama Bianca” a causa di alcune foto scattate in compagnia dell’allora premier e presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, al G8 tenutosi a Toronto, Canada.

La Gagliardi, fermata all’aeroporto di Fiumicino, fu trovata in possesso di oltre 20 kg di cocaina colombiana di qualità elevatissima, nascosti nel doppio fondo del trolley e tra la sua biancheria.

In seguito, la donna dichiarò che la “merce” presente nel suo bagaglio era destinata ad Alessandro Fiorente, fratello di Pasquale, che adoperava spesso nei voli di linea per trasportare ingenti quantitativi di stupefacenti, soprattutto cocaina e hashish dal Sud America e dall’area del Magreb e trattava di rifornire alcuni clan campani, occupandosi per i medesimi del rifornimento e del trasporto degli stupefacenti nel nostro paese.

 

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO