10.7 C
Napoli
martedì, 31 Gennaio 2023

Ayala e i suoi anni con Falcone e Borsellino

Da non perdere

Maria Rosaria Corsino
Napoletana di nascita, studia Lettere Moderne presso l'Ateneo Federico II di Napoli. Ama i suoi libri che custodisce gelosamente e le penne stilografiche. E' convinta che se tutti leggessero un po' di più il mondo sarebbe un posto migliore.

E’ il 1992 quando Cosa Nostra dà il via a una serie di esecuzioni che lasceranno il segno in tutta Italia.orrore_uccisoFalcone

E’ il 23 Maggio quando sull’autostrada A29, in prossimità dello svincolo di Capaci, 400 Kg di miscela esplosiva provocano la morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e di tre degli agenti della scorta.

E’ il 19 Luglio quando in Via Mariano D’Amelio (Palermo) una Fiat 126 contenente 90 Kg di esplosivo salta in aria uccidendo il giudice Paolo Borsellino e cinque degli agenti di scorta.

Nel 1992 l’Italia piange due dei suoi più grandi eroi.

Non è un libro facile quello di Giuseppe Ayala: nonostante la narrazione scorrevole e accessibile a tutti, non è certo da leggere per occupare un paio d’ore.

Da una parte il resoconto preciso e professionale di quelli che furono anni di fuoco nei processi antimafia: dal maxiprocesso alle condanne di 19 ergastoli e 2665 anni di carcere inflitti (passando per oltre 1314 ore di interrogatori e 666000 pagine di atti processuali), dall’altra squarci di vita privata che tratteggiano il lato più umano e fragile di Falcone e Borsellino, in primis mariti, padri, cittadini. Un lato che spesso viene dimenticato quando si parla dei due giudici.corriere

Non aspettatevi novità eclatanti su un periodo che ha segnato il Bel Paese (Ayala infatti ripete molte cose di cui già molti sono a conoscenza) ma preparatevi alla storia di un’amicizia decennale e commovente sviluppatasi nella decisione di combattere per una giusta causa.

“E’ bello morire per ciò in cui si crede, chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola”. (Paolo Borsellino)

E quindi oggi vogliamo dire grazie.

A tutti coloro che non hanno avuto paura. images

 

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli