Autostrade, aumento dei pedaggi 2020

21 secolo autostrade
autostrade

Il 2020 è iniziato da poco ma ha già portato molti di noi a fronteggiarsi con alcuni cambiamenti importanti. In alcune tratte delle Autostrade d’Italia l’aumento dei pedaggi è una certezza, come ogni anno, infatti, la società ha comunicato la propria volontà di incrementare il costo del servizio per migliorare la manutenzione e fornirne uno migliore.

Volendosi però attenere a quanto dichiarato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti,Mit, nel 2020 subirà un aumento del prezzo dei pedaggi solamente il 5% delle autostrade d’Italia, il restante 95% resterà pressoché invariato. 

Sospeso l’incremento per la Strada Dei Parchi, del 12,89% nel 2018 e del 5,59% nel 2019, fino al 31 ottobre 2021 per cercare di accelerare la ricostruzione delle aree precedentemente colpite dal sisma.

I rincari dei pedaggi autostradali dovrebbero riguardare quasi interamente il nord Italia, in particolare riguarderanno le tratte gestite delle società terze, che ne hanno ottenuto la gestione.

La Concessioni Autostradali Venete, CAV, subirà un rincaro pari all’1,20%, la Autovia Padana del 4,88%, il tratto della Bre.Be.Mi del 3,79% e la Pedemontana di solo lo 0,80%. 

I rincari saranno teoricamente minimi, per la Pedemontana si parla addirittura di 1 centesimo in più, per la Autovia Padana si potrebbe giungere fino a 10 centesimi per viaggio, costi che chiaramente sembrano irrisori, ma se si pensa ad un utente che percorre suddetta tratta più volte al giorno, o già ad un lavoratore che percorre l’autostrada tutti i giorni ambo i sensi, il totale dell’esborso potrebbe risultare considerevolmente elevato.

 

Print Friendly, PDF & Email

Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II

more recommended stories