10.7 C
Napoli
martedì, 31 Gennaio 2023

Arrestato il truffatore Vittorio Gargiulo

Vittorio Gargiulo, funzionario della CNR(consiglio nazionale per le ricerche), è stato condannato a quattro anni e mezzo di reclusione per traffico illecito di denaro.

Da non perdere

Uno degli altri funzionari della CNR, Vittorio Gargiulo, è stato colto in flagrante mentre si appropriava di denaro appartenente ai fondi per la ricerca.

Gargiulo operava, all’epoca dei fatti, nella segreteria amministrativa dell‘Istituto Ambiente Marino Costiero della CNR: l’amministratore avrebbe intascato, illegalmente, circa oltre un milione di euro, frugando nelle casse dell’ente di ricerca.

Il denaro sarebbe poi stato utilizzato dallo stesso per completare la rimessa a nuovo del suo appartamento e per acquistare una vasca ad idromassaggio, dei passatempi per bambini, pezzi immobiliari, tende e supporti informatici; questi ultimi oggetti venivano poi rivenduti tramite annunci sul web.

In quanto dirigente dell’amministrazione, il signor Gargiulo sarebbe stato l’unico a poter firmare i mandati di pagamento e si è dunque risaliti immediatamente a questi, per identificare il colpevole del reato.

L’accusa aveva inizialmente votato a favore di una condanna che prevedeva cinque anni di detenzione, ma la durata della reclusione è scemata non appena è stata emessa la sentenza definitiva: il funzionario dovrà scontare quattro anni e mezzo di galera.

Una volta terminato il processo, condotto con rito abbreviato, il giudice dell’udienza preliminare, Roberta Attena, ha quindi emesso il verdetto finale.

Sono oramai troppi i casi di illegalità che affiorano tra le pagine dei quotidiani italiani e campani ed è un vero peccato che una nazione così bella e al contempo così ricca di cultura debba fare i conti con gli approfittatori di turno.

Coloro dediti ad affari disonesti mandano difatti in crisi un sistema già quasi interamente rovinato da una politica poco efficace e un’economia claudicante: si dovrebbero effettuare controlli più efficienti e il cittadino italiano, soprattutto, dovrebbe dedicarsi al proprio impiego con grande serietà e rettitudine, con una lealtà che permetta all’intero impianto nazionale di operare al meglio.

 

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli