25.8 C
Napoli
giovedì, 7 Luglio 2022

Anticorpo armato per uccidere il cancro

Da non perdere

L’azienda farmaceutica Menarini ha progettato un anticorpo armato, che, come una bomba intelligente avrà il compito di entrare nella cellula tumorale e distruggerne il tessuto malato. Tale innovazione farmacologica sarà disponibile a partire dal 2016, ma vediamo nello specifico di cosa si tratta e come funziona.

L’anticorpo in oggetto si comporta come una vera e propria arma supertecnologica, che prima si fa agganciare e inglobare dall’ antigene della cellula colpita dalla neoplasia, poi una volta entrato al suo interno, rilascia la tossina letale di cui è dotato e uccide il tessuto interessato dal tumore. La molecola di cui stiamo parlando è stata presentata a Firenze ed è stata selezionata e sperimentata sia in vitro che in vivo ad opera dei ricercatori  di Berlin Chemie – Menarini e Oxford BioTherapeutics.

La sperimentazione in laboratorio ha dimostrato che l’anticorpo è in grado di debellare sia linfomi Non Hodgkin sia tumori solidi, in particolare alcune sottotipi di neoplasie alla mammella, apportando una forte riduzione della tossicità nei tessuti con cellule sane. L’anticorpo è stato battezzato con il nome di Men1309, monoclonale e coniugato ad una tossina, da cui la definizione di anticorpo armato.

Gli scienziati che lavorano alla Menarini hanno sottolineato l’importanza di tale particolare molecola, il cui processo biotecnologico di produzione è stato già messo a punto e fervono i preparativi per la sperimentazione clinica sull’uomo che partirà a partire dal 2016: Cecilia Simonelli, responsabile medico di Oncologia-Immunologia-Antinfettivi presso Menarini Ricerche, ha affermato che ci troviamo di fronte ad un anticorpo potente in grado di colpire con precisione e senza produrre particolare tossicità.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli