4shared
22.1 C
Napoli
domenica, 20 Giugno 2021

“Angeli”, l’happy X-Mas dell’ urban hip hop

Da non perdere

Domenico Papaccio
Laureato in lettere moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II, parlante spagnolo e cultore di storia e arte. "Il giornalismo è il nostro oggi."

Il video clip di “Angeli” è uscito oggi 26 dicembre su youtube, in un clima di feste e di speranza, la stessa che esce dietro al sintetico flow dei vari Mc’s che hanno preso parte al progetto “Headshot vol. 2” prodotto da Akira Beats & Funkyman.

I 3 minuti e passa di “Angeli” sono un coacervo capitanato da maestri come il “generale” Ntò e una garanzia della canzone partenopea “a’ fronn e limone” come Gianni Celeste, insieme a voices del new trend del rap-trap come L’Elfo, Il Nano e Chily Realeza.

Il risultato finale è un punto straordinario che concilia il mod urban & street italiano con le realtà metropolitane di tutti gli emisferi, da Napoli a Roma, dal Nord a Sud del Mondo.

La strada è l’elemento di collagene di realtà anche musicalmente diverse, ma unite da un fulcro tematico.

Angeli, infatti, riesce ad aprirsi al pubblico delle borgate e delle palazzine, dalle orecchie gonfie del sound neomelodico grazie alla capacità allitterativa del ritornello.

Un brano che tratta di ciò che il rap ha sempre fatto per sua costituzione, cioè narrare di disagio sociale, della difficoltà di emergere e ritornare a galla dopo essere caduti nelle grinfie di un sistema attanagliante.

“Angeli” è un brano rivolto a chi l’inferno lo vive nelle periferie e nelle galere, dove l’aria del Natale non c’è mai stata, spazzata via dalle sirene e che non ha fatto abiura del proprio passato.

In un momento di stasi per la possibilità di fare musica con la “M” quanto per l’uomo, il project Headshot vol.2 con Angeli dimostra la vivacità del mondo hip hop made in Italy e la capacità di comunicare oltre al suo pubblico.

E l’attesa, cresciuta dietro le stories di istangram dei vari artisti aderenti al project è stata ripagata adeguatamente, con un’impennata di visualizzazioni su youtube in poche ore.

L’unica domanda che resta da chiedersi è cosa ci aspetta dopo una mina del genere.

 

 

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli