Andrea Petagna, l’arma in più degli azzurri da sfoderare Arrivato a gennaio dalla SPAL a titolo definitivo, l'attaccante italiano ha voglia di mostrare tutto il suo potenziale con la casacca azzurra

Andrea Petagna
Come si vince una guerra? L’abilità e l’astuzia dei soldati contano in modo rilevante, ma le armi sono gli strumenti indispensabili per sopraffare e annientare gli avversari. Dopo alcuni innesti importanti, il Napoli è riuscito ad acquistare e portare all’ombra del Vesuvio un’arma in più per combattere contro le big di Serie A ed in terra europea, veramente pazzesca, potente ed efficace, denominata Andrea Petagna.
Comperato a titolo definitivo dai partenopei nella finestra di calciomercato invernale, che contemporaneamente lo lascia in prestito alla SPAL fino al termine della stagione, l’attaccante italiano ha esordito nel match di pre-campionato contro il Pescara, sfornando una prestazione favolosa. Subito protagonista, quindi, il nuovo bomber degli azzurri: autore di due assist e della rete finale, quella del poker, si prende la scena e conquista così il cuore dei tifosi napoletani.
Ho l’impressione che stia lavorando bene da quando si è ripreso e nel momento in cui troverà il top della condizione può diventare un valore aggiunto per il Napoli“. Parole profetiche ma dal sapore veritiero, quelle dell’ex tecnico della SPAL Gigi Di Biagio. Con le caratteristiche e la fame di gol incolmabile possedute, Andrea Petagna può rappresentare più che un valore aggiunto per la compagine di mister Rino, un asso nella manica da tirar fuori nel momento del bisogno.
Nella gara contro i delfini di mister Oddo tutti attendevano le reti di Victor Osimhen, ma a sorpresa a strappare il ruolo di protagonista ci ha pensato il colosso Andrea Petagna. “Ho atteso tanto questo momento. Non potrei essere più orgoglioso, concentrato e determinato per questa nuova avventura“, le parole dell’ex Atalanta, dopo il primo allenamento con la maglia del Napoli. Ha finalmente potuto festeggiare la sua prima giornata in azzurra. La gioia, però, per l’ingresso in campo del giocatore non ha prezzo: come un piccolo bambino sprizza felicità da ogni poro non appena riceve in regalo un balocco, lo stesso Andrea ha gioito nel momento in cui ha messo piede sul rettangolo verde del San Paolo.
In una ventina di minuti l’attaccante classe ’95 ha chiarito perché la società partenopea, con il consenso di Gattuso, ha puntato su di lui e quanto potrà essere di giovamento, non solo per sostituire Ciro Mertens ed Osimhen: qualche minuto da punta nel 4-2-3-1, regalando a Ciciretti un succulento cioccolatino da scartare, poi successivamente ha servito un altro passaggio vincente per Dries, sebbene la porta spalancata. Alla fine trova anche la via del gol, calando il poker e chiudendo definitivamente i giochi: una girata con il mancino di prima intenzione cancella, almeno in modo parziale, la delusione per non aver potuto partecipare al ritiro estivo, a causa della contrazione del Covid-19.
Non è stato un caso l’approccio positivo di Petagna, sfruttando Mertens alle spalle e soprattutto il modulo scelto da Gattuso, rivelatosi decisamente vantaggioso per l’attaccante italiano e per tutta la squadra. Uno schema impeccabile, il quale si addice perfettamente alle sue caratteristiche. Andrea Petagna è, infatti, un centravanti bravo a giocare spalle alla porta e a far salire la squadra. Dotato di un ottimo controllo di palla, è, inoltre, avvezzo a contribuire alla manovra, arretrando il proprio raggio d’azione. Un’arma in più per difendere, un’arma in più per supportare la squadra, un’arma in più per vincere automaticamente i match.
Quando il suo agente Giuseppe Riso gli aveva comunicato dell’accordo trovato con la squadra azzurra attraverso una videochiamata, Andrea Petagna non era più nella pelle al punto da effettuare uno screenshot del suo telefono ed impostare quell’immagine come foto profilo di whatsapp per alcune settimane. Ha dovuto saltare tutto il ritiro estivo a Castel di Sangro per il Coronavirus, ma non vedeva l’ora di iniziare e contro il Pescara il segnale è stato lampante.
Dopo la super prestazione nell’amichevole di pre-campionato, quindi, la punta italiana si è concessa un giro tra i vicoli del centro storico di Napoli, caricando poi sui social le sue foto, in attesa del match contro il Parma, previsto per domenica prossima. Tutti puntano su Victor Osimhen, ma Rino Gattuso, invece, potrebbe virare su Andrea Petagna, in un tridente inedito con Lorenzo Insigne e Dries Mertens. Comincia nel migliore dei modi, quindi, l’avventura azzurra dell’attaccante italiano!
Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories