lunedì 22 Luglio, 2024
26.8 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Amélie Mauresmo: la stella del tennis sarà direttrice del Roland Garros

Amélie Mauresmo, la ex tennista francese e allenatrice, sarà direttrice del torneo del Roland Garros.

Nata in una famiglia abbiente, sviluppò la sua passione per il tennis in maniera quasi per casuale: un giorno, guardando la televisione, vide il famoso campione francese, Yannick Noah, durante il Roland Garros del 1982. Già a tre anni, Amélie Mauresmo decise che lo sport sarebbe stato il suo futuro. Nel luglio 2015, è diventata madre di un bambino, Aaron.

Nel 1996 vinse il noto torneo francese versione “junior”, riservato a giovani tenniste non professioniste. Nel medesimo anno, la federazione internazionale di tennis la conferì il titolo di “giovane tennista dell’anno”. Due anni più tardi divenne professionista. Nel 1999 arrivò alla finale dell’Australian Open. Nel torneo, tenutosi in Australia, riuscì ad avere la meglio contro la tennista numero 1 del mondo, Lindsay Davenport, ma perse nello scontro decisivo con Martina Hingis.

Amélie Mauresmo: la nuova trascinatrice del torneo del Roland Garros

L’atleta, orgogliosa di questo importante compito, ha condiviso le proprie emozioni: “Sono orgogliosa di entrare nella squadra. Ho accettato il ruolo di direttore del torneo, lo farò con la stessa ricerca del massimo, la libertà e l’entusiasmo che mi hanno sempre guidato”. Oltre a ricoprire una carica così importante, la Mauresmo sarà la prima donna a guidare l’Open di Francia.

La Mauresmo: una figura che ha rivoluzionato il mondo del tennis

L’accordo, ufficializzato dalla Federazione francese, sarà di durata triennale. La Mauresmo sostituirà Guy Forget, che negli scorsi giorni ha richiesto le dimissioni. Durante il suo percorso sportivo, Amelie ha vinto 25 tornei, 3 dello Slam. Ex capitana di Fed Cup e di Coppa Davis, ha allenato Andy Murray e successivamente è stata commentatrice in tv.

Una figura importante del mondo del tennis, una donna volitiva, appassionata e di successo che prende le redini di una competizione d’eccellenza per tutelarne il prestigio.