22 C
Napoli
sabato, 1 Ottobre 2022

Alessia Pifferi chiede al suo avvocato cosa significhi essere condannati all’ergastolo

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

Torna a parlare del caso l’avvocato di Alessia Pifferi, Solange Marchignoli, che dice a Telelombardia: “(Alessia Pifferi) capisce di essere in carcere ma non capisce il disvalore di quello che ha fatto“. Poi aggiunge: “Ha chiesto il significato di ergastolo“.

L’avvocato ha spiegato nell’intervista di essere stata turbata dal caso e che, secondo lei, qualcosa non tornava. Dopo aver letto le carte dell’inchiesta, si è precipitata in carcere per avere un colloquio con Alessia Pifferi. “Mi sono detta: non è possibile”, spiega, “facevo fatica a comprendere come fosse possibile lasciare una bambina a casa per tanti giorni e non rendersi conto di quanto potesse essere grave“.

Riguardo l’incontro con la madre che ha lasciato la figlia di 18 mesi sola in casa per sei giorni, l’avv. Marchignoli aggiunge che la donna sembra vivere “apparentemente in una bolla. Non ha la struttura intellettuale per comprendere. Io le parlo, lei mi guarda ma non mi vede e non credo sia una questione di shock“.

Alessia Pifferi viene descritta come una donna di poche parole che non sembra essere nel pieno delle sue facoltà. “Mi ha detto che le manca la sua bambina”, dice l’avvocato difensore. La 37enne è consapevole del fatto che Diana sia morta. In un colloquio la donna le ha chiesto “il significato di ergastolo“.

Riguardo la linea difensiva, l’avvocato spiega di voler scavare nel passato della donna perché secondo lei c’è qualcosa che non torna. Conclude: “Abbiamo incaricato il prof. Sartori, neuroscienziato, e cercheremo di capire se ci sono delle “lesioni”. Io mi sono fatta l’idea che in questa storia c’è qualcosa che manca, non è possibile che sia semplicemente una mamma che decide di lasciare la figlia perché ritiene sia un pacco postale. C’è qualcosa di molto grave che non torna, magari nel passato della donna“.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli