4shared
8.3 C
Napoli
lunedì, 29 Novembre 2021

Alcune regioni in zona gialla? Le dichiarazioni di De Luca

Vaccino, distanza fisica, mascherina e lavaggio frequente delle mani, continuano ad essere alcune delle condizioni necessarie anche durante i mesi estivi. Per quanto riguarda un possibile ritorno della Campania in zona gialla, tutto dipende da come e con che numeri, evolverà la situazione nelle prossime settimane.

Da non perdere

Alcune regioni potrebbero tornare di nuovo in zona gialla? Rischio anche per la Campania

È una ipotesi sempre più accreditata, sulla quale oggi pomeriggio ha posto l’attenzione il Presidente della Campania, Vincenzo De Luca.

Rischio zona gialla per alcune regioni tra cui la Campania

“Per tutti i mesi di maggio e giugno, cioè nel momento di grande impegno dei cittadini nella campagna di vaccinazione, la Regione Campania è stata quella che riceveva meno vaccini di tutte le Regioni d’Italia, una vergogna oltre che un atto di irresponsabilità. Avrebbero dovuto inviare per tempo i vaccini, per la semplice ragione che la Campania è la regione con la più alta densità abitativa in Italia”, ha dichiarato il Governatore De Luca.

Ciò che il Presidente ha invocato con chiarezza, rivolgendosi a tutti, adulti e giovani, è un atteggiamento prudente che non deve mai mancare.

Ricordiamo, così come ha ribadito De Luca, che sono molti coloro che attendono il richiamo, e quanti purtroppo hanno scelto di non vaccinarsi.

“Entro il 20 luglio in Campania arriviamo a 6 milioni di vaccinazioni e a 2,6 milioni di seconde dosi. Entro il 31 luglio arriveremo a somministrare 3 milioni di doppie dosi, quindi entro questo mese avremo 3 milioni di nostri concittadini immunizzati.

L’obiettivo che abbiamo è il seguente: fra agosto e fine settembre puntiamo ad avere 4 milioni di cittadini immunizzati con la doppia dose, entro la prima decade di ottobre arriviamo a 4,6 milioni di cittadini immunizzati, che è l’obiettivo che abbiamo in Campania per arrivare a un’immunità di gregge. Questo è il piano di lavoro nel quale siamo impegnati”.

Vaccino e alcune semplici accortezze per salvaguardare quanto fatto fino ad oggi

Vaccino, distanza fisica, mascherina e lavaggio frequente delle mani, continuano ad essere alcune delle condizioni necessarie anche durante i mesi estivi.

Per quanto riguarda un possibile ritorno della Campania in zona gialla, tutto dipende da come e con che numeri, evolverà la situazione nelle prossime settimane.

Sicuramente un aspetto fondamentale sarà la prevenzione, e quell’atteggiamento di prudenza precedentemente citato.

Ora come ora, sembrerebbe che col vaccino, si sia allentata la morsa, ognuno prova a fare ciò che vuole, e molti comportamenti non sono tollerabili, soprattutto perché nessuna autorità competente controlla quanto accade.

Riapertura scuole in sicurezza con un “Piano studenti”

Altro tassello importante è il ritorno a scuola. De Luca già la scorsa settimana ha ribadito che il ritorno tra i banchi sarà possibile ma tenendo conto del numero di ragazzi vaccinati.

“L’obiettivo è la riapertura delle scuole in presenza, ma in condizioni di sicurezza.

Per farlo dobbiamo completare la vaccinazione rivolta alla popolazione studentesca. Faremo un programma per 16enni, 17enni e 18enni da vaccinare tra luglio, agosto e inizio settembre”.  Infine l’annuncio di un piano specifico di vaccinazione per la popolazione studentesca, in vista dell’apertura dell’anno scolastico.

Un piano che dovrebbe iniziare a fine luglio, per proseguire nella prima e nell’ultima settimana di agosto e poi nella prima quindicina di settembre. Da qui anche un appello ai genitori affinché non ostacolino la campagna di vaccinazione.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli