24.9 C
Napoli
venerdì, 1 Luglio 2022

Accordo di associazione Ue-Ucraina

Da non perdere

Stamattina il Parlamento europeo ha ratificato con 535 sì, 127 no e 35 astenuti, l’accordo di associazione con l’Ucraina, che prevede un’associazione politica e la creazione di un’area di libero scambio. Il voto si è svolto in contemporanea con quello del parlamento di Kiev ed è stato preceduto dagli interventi del presidente dell’europarlamento, Martin Schulz, e del presidente dell’Ucraina, Petro Poroshenko. Per ottenere pieno effetto giuridico, l’accordo dovrà però essere ratificato dai 28 Stati membri dell’Ue.

L’accordo di associazione Ue-Ucraina è stato definito un evento storico, un momento topico per la democrazia. E’ stato infatti approvato uno status speciale, che per 3 anni concederà maggiore autonomia ad alcuni distretti delle regioni separatiste di Donetsk e Lugansk, del sud-est ucraino ed elezioni locali anticipate al 7 dicembre. In più l’organo legislativo ha approvato un disegno di legge per concedere, in alcune condizioni, le amnistie per i separatisti del sud-est.

Proprio i separatisti, però, non condividono i provvedimenti presi: Andrei Purghin, vice premier dell’autoproclamata repubblica popolare di Donetsk, ha dichiarato di non poter accettare alcuna unione politica con l’Ucraina di oggi e che né il federalismo né altri ‘-ismi’ di questo tipo possono essere discussi. Nelle ultime 24 ore infatti i bombardamenti d’artiglieria su Donetsk hanno ucciso almeno 3 civili.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli