18.8 C
Napoli
martedì, 30 Maggio 2023

99 Posse in concerto: la mostra salta

Da non perdere

Ilaria Cuomo
Ilaria Cuomo
24 anni, giornalista nata a Napoli è una personalità dinamica e solare. Si è laureata in scienze della comunicazione presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, attualmente studia comunicazione pubblica sociale e politica presso l’università degli studi di Napoli “Federico II”. Ama il giornalismo in tutte le sue forme ,la radio e la fotografia .

L’inconfondibile sound dei 99 Posse è tornato a far saltare e urlare Napoli, una lunghissima notte all’insegna della musica e dell’aggregazione sociale quella che si è tenuta ieri 18 settembre nella splendida location della Mostra d’Oltremare di viale F.J. Kennedy Napoli. Torna sul palco la band che da oltre un ventennio scrive canzoni che parlano dei problemi della società, lo fa in grande stile, con un evento il cui nome è dato dal successo ottenuto 20 anni prima con la canzone Curre curre guagliò. Un vero e proprio festival della musica Rap, con ospiti di eccellenza come Clementino e Caparezza e grandi artisti come La banda Bassotti i Sangue Mostro o Jovine. Regina indiscussa della serata una sfrenatissima Mama Marjas che ha affiancato la band durante tutto il concerto apportando un carico di energia invidiabile ed un’esecuzione musicale perfetta.

99 posse in concerto
99 posse in concerto

Molti i temi sociali toccati durante la serata che tagliano trasversalmente tutto lo scenario sociale italiano passando dalla contestazione politica, con un forte dissenso per le nuove riforme di governo, toccando temi caldi come la lotta contro la TAV in Val di Susa fino a entrare nel vivo della ferita partenopea con l’intervento sul palco dello zio di  Ciro Esposito, il tifoso napoletano gravemente ferito prima della finale di coppa Italia e successivamente defunto. L’ingresso alla mostra è stato di solo 1 euro, una cifra davvero simbolica, un prezzo che nonostante tutto valeva la pena pagare per assistere ad una vera e propria pennellata di rosso nel cuore di Napoli. Un fiume di corpi che saltava e ballava al ritmo musica, il tutto nella splendida cornice immersa nel verde della Mostra d’Oltremare sotto un cielo stellato, uno scenario davvero mozzafiato. Deplorevole però l’inciviltà di molti spettatori palesata una volta finito il concerto, quando una calca di corpi si è diretta infatti verso l’uscita, accompagnata da un tintinnio di bottiglie di birra abbandonate sul pavimento che venivano trascinate inseme alla massa, un  manto di vetri rotti e rifiuti  è rimasto a sorvegliare quella che poco prima era una location da favola.

image_pdfimage_print
Articolo precedente
Prossimo articolo

Ultimi articoli