22.3 C
Napoli
sabato, 1 Ottobre 2022

9 settembre 1998: moriva Lucio Battisti

Carriera e vita privata di un cantautore che ha segnato la storia della musica italiana

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

Lucio Battisti morì il 9 settembre del 1998. È stato un cantautore ed artista amatissimo che ha rivoluzionato la storia del cantautorato italiano. La sua voce riconoscibile ed il sodalizio con Mogol hanno segnato la cultura e l’intera evoluzione della musica del nostro paese. Eppure, riguardo la sua morte prematura, dopo il ritiro dalla scena pubblica negli anni ’80, si sa ben poco.

Battisti è morto in giovane età, aveva infatti solo 55 anni. Le ipotesi riguardo la sua morte sono diverse, frutto di speculazioni e dichiarazioni rilasciate da amici che gli erano vicini, ma la famiglia di Battisti volle mantenere riguardo gli ultimi giorni di vita dell’artista un assoluto riserbo.

Lucio Battisti: carriera e vita privata di un grande artista

Lucio Battisti nasce da una famiglia umile il 5 marzo 1943. Descritto come un bambino timido e appassionato di musica, ha passato la sua infanzia ed attraversato i momenti della sua formazione nel comune di Poggio Bustone.

Dopo il diploma, nel 1962, Battisti ha già chiara la sua strada: vuole essere un musicista. Il padre, però, un impiegato statale, è contrario alle sue ambizioni e vorrebbe per il figlio una vita più sicura e ordinaria. Nonostante gli scontri, però, Battisti non si è lasciato influenzare. Prima l’Olanda e la Germania, infine il trasferimento a Milano che segna l’inizio della sua carriera.

Nel 1965 Lucio Battisti incontra per la prima volta Mogol, paroliere scelto per lui dalla produttrice discografica Christine Leroux. Il loro connubio darà vita a successi che hanno segnato la storia della musica italiana come 29 settembre, Acqua azzurra Acqua chiara, Mi ritorni in mente, I giardini di marzo e moltissimi altre.

Nel 1976 convola a nozze con Grazia Letizia Veronese, con la quale aveva già un figlio. La figura della moglie di Battisti è sicuramente controversa. Molti, infatti, l’hanno indicata come causa della storica rottura con Mogol – oltre a questioni riguardanti i diritti d’autore -. Inoltre, si sospetta che la moglie abbia avuto un ruolo significativo anche rispetto alla sua scelta di ritirarsi dalla scena pubblica.

Le misteriose cause della morte

Il 29 agosto 1998, a 55 anni, Battisti è stato ricoverato all’ospedale San Paolo di Milano. Pochi giorni dopo, il 9 settembre, l’artista si è spento in terapia intensiva causando grande commozione nel pubblico che lo aveva seguito con affetto. La causa ufficiale della morte sarebbe un cancro al fegato.

Molti di coloro che, però, erano vicini all’artista hanno parlato di una malattia renale che lo costringeva da anni a fare dialisi. Altri, hanno addirittura ipotizzato che potesse essersi trattato di un infarto fulminante.

Le cause della morte dell’artista, tutt’ora, non sono state chiarite dalla famiglia che continua a mantenere assoluto riserbo.

 

 

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli