Napoli shock, è 3-2 a Bologna. Perso il primo posto

bologna napoli_21 secolo_donzelli alessandro(fonte ansa)

Seconda sconfitta in campionato per il Napoli che cade sul campo del Bologna. E’ un risultato che brucia tanto, gli azzurri perdono il primo posto a favore dell’Inter(1-0 al Genoa) e da dietro si avvicina anche la Juventus. Irregolare la prima rete di Destro, l’attaccante  emilano è partito in netta posizione di fuorigioco ma sono tante le decisioni di Mazzoleni che hanno lasciato dubbi. Fallito quindi l’esame di maturità, bisogna subito ritrovare calma e lucidità.

SCELTE DI FORMAZIONE – Sarri anche stavolta non cambia e propone il solito 4-3-3 con Reina in porta; Hysaj, Albiol, Koulibaly e Ghoulam in difesa; Allan, Jorginho e Hamsik in mediana; Callejon, Higuain e Insigne in attacco. Nel Bologna torna Destro dal 1′ dopo la squalifica, ai suoi lati in attacco Giaccherini e Brienza.

PRIMO TEMPO – Si comicia con 10.000 tifosi napoletani sugli spalti, i padroni di casa partono bene e al 5′ Reina devia in angolo una punizione di Brienza. Sei minuti dopo è Mirante a salvare il risultato con una prodezza su un diagonale in area di Callejon, servito da Marek Hamsik. Al 13′ il Bologna passa in vantaggio con Destro che scatta in posizione di fuorigioco e batte Reina in uscita, nell’occasione troppo debole la marcatura di Albiol. Al 20′ l’incredibile raddoppio con Rossettini che su azione d’angolo è lasciato da solo in area e di testa raddoppia. Il Napoli non c’è, è troppo slegato tra i reparti e non riesce ad organizzare una reazione concreta, Insigne di testa spreca una buona chance. Gli azzurri sono anche sfortunati e colpiscono un palo con un tiro in area di Callejon con 2 deviazioni.

SECONDO TEMPO – In apertuta di ripresa il Napoli va subito vicino al 2-1 con Higuain e Allan, sono tante le decisioni arbitrali che fanno discutere. Al quarto d’ora è 3-0 con un tiro in area di Destro con papera incredibile di Pepe Reina. Nel finale Higuain all’improvviso si scuote e con una doppietta riavvicina il Napoli(3-2). Però non c’è più tempo per provare a strappare un’incredibile pareggio.