19 settembre: si è ripetuto il miracolo di San Gennaro

Si è ripetuto stamattina il miracolo di San Gennaro, comunicato ai fedeli alle 10.04 del mattino

Oggi, 19 settembre 2019, si festeggia San Gennaro, santo patrono della città di Napoli. La festività del santo va “a braccetto”, di routine, con il miracolo della liquefazione del sangue, del santo, che è contenuto in alcune ampolle. Ecco, stamattina si è ripetuto il miracolo, che, per il popolo napoletano, è sintomo di buona fortuna.

Il rituale è solito avvenire tre volte l’anno, nel mese di settembre, il 19 per l’appunto, in occasione della festività di San Gennaro, il sabato del primo fine settimana del mese di Maggio e, infine, nel mese di dicembre.

L’annuncio dell’avvenuta liquefazione è stato dato, durante la benedizione, alle ore 10.04 di stamattina, da parte del cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, che ha mostrato, con gioia, il prodigio avvenuto alla folla di fedeli presenti alla celebrazione.

Evento molto atteso da napoletani e non, il Duomo di Napoli era, infatti, come sempre, gremito di gente, provenienti da ogni parte della regione campania e del mondo, che si recano al Duomo per assistere al miracolo.

Tutti riuniti nel Duomo di Napoli, tra i presenti c’era anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris e il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, oltre a vari esponenti delle chiese ortodosse e delle delegazioni cattoliche.

Lo scioglimento del sangue, come anticipato in precedenza, è sintomo di buona fortuna per il popolo napoletano, in quanto, quando, occasionalmente, il miracolo non è avvenuto, sono susseguite numerosi catastrofi sulla città di Napoli. Proprio per questo, il ripetersi del miracolo è sintomo di speranza ed è un momento che i fedeli vivono con trepidante attesa e che infonde positività e fiducia ai residenti partenopei.

In contemporanea, mentre all’interno del Duomo si svolgeva il miracolo, all’esterno si è riunito il gruppo di lavoratori dell’azienda Whirlpool, che hanno protestato per poter salvare il proprio posto di lavoro.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO