4shared
13.5 C
Napoli
giovedì, 15 Aprile 2021

18 febbraio 1745 nasceva Alessandro Volta

Da non perdere

Alessandro Volta scienziato dilettante, inventore, insegnante e professore di fisica: l’ elettricità affascinava gli scienziati della fine del XVIII secolo. Nel 1800, uno scienziato italiano, Alessandro Volta, scoprì la forma vintage della batteria e in suo onore Volt fu definita l’unità di forza elettromotrice. Oggi è il giorno di nascita di quest’ultimo personaggio.

Il 18 febbraio nasceva Alessandro Volta, l’inventore della prima batteria

Alessandro Volta è nato a Como, Italia il 18 °Febbraio 1745. Volta si interessa di fisica da quando aveva 14 anni. Come tutti gli altri scienziati, anche l’elettricità lo stupì. Ha abbandonato gli studi formali e non ha frequentato l’università. All’età di 18 anni, Volta era in corrispondenza con scienziati affermati e condusse esperimenti nel laboratorio di un amico di famiglia. Nel 1769, ha presentato una teoria sui “Fenomeni elettrici” nel suo trattato “Sulle forze di attrazione del fuoco elettrico”. Volta ha continuato con i suoi esperimenti elettrici lavorando contemporaneamente come istruttore al Liceo Classico di Como. Nel 1775 ideò un “elettroforo perpetuo” in grado di trasferire la carica ad altri oggetti. Negli anni seguenti isolò con successo il gas metano e lo bruciò utilizzando una scintilla elettrica. Volta fu nominato professore di Fisica all’Università di Pavia nel 1778.

Una faida per le gambe delle rane porta alla batteria: Volta era famoso per i suoi primi lavori e successi. Il suo più grande contributo alla scienza, il mucchio voltaico, è stato sviluppato come parte della disputa scientifica con lo scienziato Luigi Galvani. A causa delle osservazioni fatte durante le dissezioni delle rane, Galvani pensò di aver scoperto una nuova forma di elettricità che chiamò “Elettricità animale”. Volta ha sostenuto che le osservazioni fatte da Galvani erano dovute alla risposta allo stimolo dell’elettricità. Le rane stesse non producevano elettricità.

Volta si rese conto dagli esperimenti di Galvani che i due metalli dissimili in contatto stavano producendo l’elettricità. Allora non erano disponibili strumenti per rilevare le correnti deboli. Quindi, Volta assaggiò varie combinazioni di metalli mettendoli sulla sua lingua. La saliva sulla sua lingua ha condotto l’elettricità provocando una spiacevole sensazione di amaro. Per dimostrare il suo punto di vista che la generazione di elettricità non richiedeva parti di animali, ha messo insieme una pila di dischi alternati di zinco e argento separati da un panno imbevuto di salamoia. Quando un filo era collegato a entrambe le estremità della pila, scorreva una corrente costante. Ha osservato che la quantità di corrente può essere modificata utilizzando metalli diversi e cambiando il numero di dischi.

In una lettera del 20 marzo 1800, indirizzata al presidente della Royal Society of London, Volta riferì la sua scoperta. La batteria ha avuto un enorme successo ed è stata quasi immediatamente riconosciuta come un dispositivo di successo. Altri inventori migliorarono il design di Volta e presto alimentò telegrafi e campanelli.

L’invenzione della batteria

L’invenzione della batteria gli ha portato una grande fama, ma Volta ha preferito una vita tranquilla. Ha abbandonato la sua ricerca e l’insegnamento. Si è spento pacificamente in una casa di campagna a un’età di 82, il 5 ° marzo 1827. Il suo nome è stato quindi immortalato sotto forma di Volt, unità di potenziale elettrico.

Ultimi articoli