19.4 C
Napoli
sabato, 1 Ottobre 2022

13 Luglio 1862: la prima legge sulla privativa di sali e tabacchi

Da non perdere

In Italia il 13 luglio 1862 venne istituita la prima legge fondamentale sulla privativa dei Sali e tabacchi.

Storicamente il prezzo del sale era sempre stato oggetto di regole ferree che miravano ad abolire disparità nella vendita di un bene così prezioso, come il sale.

In realtà quest’ultima è anche tra i beni maggiormente soggetto a tributi della storia, tanto da porta alla nascita di Monopoli da parte dello Stato sin dai primordi.

Il sale rappresenta un bene così prezioso che nell’ antica Roma i soldati venivano pagati con questa sostanza, da qui il termine “salario”, usato ancora oggi.

In un Italia più moderna rispetto all’epoca romana, però, la divisione in tanti piccoli Stati aveva portato ad una diversità nelle forme di imposizione del tributo su questo bene. Fu, pertanto, necessario, a seguito dell’unificazione, uniformare tutte le tariffe vigenti.

Legge n.710/1862: il Monopolio di Stato su Sali e tabacchi

È esattamente il 13 luglio 1862 che entra in vigore la legge n.710, quella con cui di fatto viene istituito il Monopolio di Stato su saline tabacchi.

Questa sarà solo la prima di una serie di leggi che regoleranno la vendita del sale in Italia.

Già legge la n. 1356 del 7 luglio 1863, si stabilì una nuova tariffa del prezzo dei Sali e tabacchi come tassa indiretta sul consumo, la cui riscossione era ottenuta tramite la privativa fiscale.

Cos’è la privativa fiscale?

La privativa fiscale prevedeva che, anziché stabilire un’obbligazione pecuniaria a carico dei consumatori, o, in luogo di essi, del fabbricante o del venditore, si istituiva, per la fabbricazione e la vendita, o per la vendita soltanto di quei generi, un monopolio a favore dello Stato, vietandone ai privati la fabbricazione e la vendita, oppure la vendita soltanto. In quest’ultimo caso, però, fu imposto ai fabbricanti di cedere il prodotto esclusivamente allo Stato.

La lotta al contrabbando

Per contrastare il fenomeno del contrabbando venne istituita nel 1865 una legge ad hoc. Questa legge dispose di estendere la privativa dei sali e tabacchi all’isola di Capraia. Questa particolare zona era stata scelta dai contrabbandieri, infatti, come deposito.

Con essa fu istituita, inoltre, intorno alle saline, una zona di vigilanza di dieci chilometri.  Veniva inoltre introdotto il reato di associazione di contrabbando. Questo particolare punto sarà poi meglio rappresentato con il decreto luogotenenziale n. 3020 del 28 giugno 1866.

L’abolizione del monopolio

In seguito vennero varate ancora molte leggi che regolavano prezzo e vendita di Sali e Tabacchi, tuttavia nel 1974 il Monopolio per la vendita del sale venne abolito.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli