Museo di Capodimonte: verso la giornata della memoria

museo_21secolo_mariagraziacasale
Museo

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte vi aspetta nel prossimo weekend (25-26 gennaio 2020)
con le mostre Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica (fino al 21 giugno 2020), Santiago
Calatrava. Nella luce di Napoli (fino al 10 maggio 2020) e i laboratori di disegno a cura di
Caroline Peyron. Come ogni weekend ci saranno le performance musicali e teatrali a cura
dell’Associazione MusiCapodimonte.
Sabato 25 gennaio 2020, in occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria il 27
gennaio, ci sarà la visita guidata Destinazione Berlino, a cura degli Amici del Real Bosco: un
percorso tra alcune opere di Capodimonte “deportate” durante la Seconda guerra mondiale. Il 13
agosto 1947 le opere “trafugate” poterono tornare in Italia e nelle settimane successive lo storico
dell’arte Giorgio Castelfranco curò, nella sua veste di funzionario del Ministero della Pubblica
Istruzione, la preparazione, l’allestimento e il catalogo della prima Mostra delle opere d’arte
recuperate in Germania, che aprì i battenti il 10 novembre 1947 presso la Farnesina a Roma con la
Danae di Tiziano come immagine simbolo. Le opere tornarono a Napoli e furono collocate a
Capodimonte con l’inaugurazione del nuovo museo nel 1957. Durante la visita sarà possibile
ammirare, tra le altre, le seguenti opere: Tiziano, Ritratto di Dama; Sebastiano del Piombo,
Madonna del Velo; Raffaello, Madonna del Divino Amore; Palma il Vecchio, Sacra Conversazione;
Luini, Madonna con Bambino; Bruegel, La parabola dei ciechi; Colantonio, San Girolamo nello
studio; Giovanni Paolo Panini, Carlo di Borbone in visita alla Basilica di San Pietro.
La visita guidata è gratuita. E’ necessario solo munirsi del biglietto d’ingresso al museo.
Prenotazione obbligatoria. Mail: amicidelrealboscodicapodimonte@gmail.com e Tel. o
WhatsApp: 3209431770 (con mail o messaggio di riscontro).
25 gennaio 2020 in due orari 11.00/13.00 e 15.00/17.00
Laboratorio di disegno di Peyron 2019-2020
Un secolo d’arte al mese dal Duecento all’Ottocento

Print Friendly, PDF & Email

Appassionata di scrittura ha pubblicato vari racconti con diverse case editrici e da sempre sogna di diventare giornalista. Ma il suo sogno più grande è quello di poter pubblicare una sua antologia di racconti.

more recommended stories