Perchè mangiare le lenticchie?

Sin dall'antichità le lenticchie sono considerate la carne dei poveri per le loro tante proprietà.

Le lenticchie sono legumi, che appartengono alla famiglia delle Papilionacee.

Sin dall’antichità le lenticchie sono considerate la carne dei poveri per le loro tante proprietà.

Infatti da alcuni studio è emerso che  le lenticchie sono i legumi più antichi coltivati dall’uomo. 

La prima coltivazione di questo legume risale circa al 7000 a. c.

A tal proposito possiamo ritrovare testimonianze dell’uso di questi legumi:

  • nella Bibbia
  • nelle tavole degli antichi romani e greci.

Le lenticchie hanno un elevato potere energetico e nutritivo per tale motivo sono paragonate alla carne.

Inoltre questo legume è ricco di proteine e vitamine.

Infatti questi legumi sono ricche di:

  • fosforo
  • ferro
  • vitamine del gruppo B

Esse sono un alimento ottimo in quanto contengono pochi grassi e molti sali minerali e fibre.

A tal proposito si ricorda che proprio la grande quantità di fibre presenti, rende le lenticchie molto adatte:

  • al funzionamento dell’apparato intestinale
  • a controllare il livello di colesterolo

Altra proprietà di questi legumi  è quella di migliorare la memorizzazione in quanto sono molto ricchi di tiamina, utile in questi processi.

Le lenticchie possono essere anche utilizzate per ripulire l’organismo poichè sono ricche di soflavoni, che si occupano di tale funzione..

Fra i benefici forniti da questo legume abbiamo anche il potere di equilibrare il sistema nervoso con azione antidepressiva e antipsicotica, in quanto ricco di vitamina PP.

Si mette in evidenza che bisogna consumare questi legumi previa cottura perchè crudi non sono digeribili a causa di fattori antidigestivi, che invece sono eliminati una volta cucinati

Le lenticchie più pregiate sono quelle coltivate in Italia, come quelle di Castelluccio di Norcia, identificate come prodotto IGP.

Esse sono molto famose per la delicatezza e le piccole dimensioni.

Si dice, secondo un’antica tradizione che mangiarle a Capodanno con il cotechino, porti tanta fortuna nel nuovo anno.

Dunque con le feste alle porte, non ci resta che provarle.

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO