Scuola : progetto Lis per favorire l’integrazione

Rivoluzionario il progetto partito nella scuola primaria Don Milani di Forlimpopoli, in Romagna. Focus del lavoro è sviluppare l’ integrazione delle differenze : lo ha scoperto Nicolas, bambino sordo dalla nascita che dopo il suo ingresso a scuola in prima elementare si è chiuso in un silenzio totale, allontanando ogni possibilità di contatto con compagni e maestri.

A rispondere efficacemente al problema  proponendo il progetto sopracitato è stata l’ educatrice Lis, Valentina Baraghini, la quale ha presentato tale lavoro nel corso di un’ audizione indetta dalla commissione Politiche per la salute e Politiche sociali in Regione.

La Baraghini ha spiegato che il fulcro di questo progetto è lavorare sulle differenze al fine di garantire l’integrazione degli studenti, grazie a questo metodo ad oggi i bambini della classe di Nicolas sono capaci di usare il linguaggio dei segni e di comunicare con il bambino in maniera chiara ed efficace.

A Nicolas è stata offerta l’opportunità di prendere parte alla vita sociale della classe e con l’utilizzo della Lis si è dimostrato un valido supporto per i compagni, che sostiene durante le lezioni sulla lingua dei segni italiana. La notizia è stata diffusa dal Corriere Romagna.

Ad esprimersi sulla situazione è stato Paolo Zoffoli, presidente della commissione Politiche per la salute e Politiche sociali in Regione, che ha affermato : “Il progetto pilota ha permesso a tutti i bambini della classe di Nicolas di imparare la lingua dei segni. Un’esperienza formativa importante per bambini,  insegnanti e famiglie”.

Dal progetto è stato realizzato un video, il quale ha raggiunto circa 1,6 di visualizzazioni, costituendo un valido input nella direzione dell’integrazione delle differenze nella scuola italiana.

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories

Pin It on Pinterest