Napoli ricorda Luciana Pacifici, vittima della Shoah

Napoli ricorda le vittime dell'olocausto, in particolare i giovani Luciana Pacifici e Sergio De Simone

Il 27 Gennaio ricorre la giornata della memoria, una data che ha lo scopo di ricordare la Shoah e le vittime dell’antisemitismo.

Non si trova impreparata la città di Napoli, pronta a ricordare la pagina nera della storia dell’umanità con mostre ed eventi.

La città partenopea ha ricordato Luciana Pacifici, vittima delle leggi razziali deceduta a soli otto mesi durante il viaggio verso Auschwitz.

Il 27 Gennao alle ore 11 si è tenuta una cerimonia nell’omonima strada in zona Borgo Orefici, nella quale il sindaco De Magistris ha deposto una corona d’alloro in memoria della giovanissima vittima.
Alla cerimonia è intervenuto anche l’assessore alla cultura Nino Daniele.

Un fascio di fiori è stato mandato in via Morghen 65, dove è ubicata la targa che commemora un’ altra vittima dell’olocausto, Sergio De Simone, bambino strappato alla vita dal pensiero antisemita.

Tra gli eventi che hanno scandito la giornata della memoria a Napoli abbiamo la mostra  “1938-1945 La persecuzione degli ebrei in Italia, Documenti per una storia” che si è tenuta alla Camera di commercio.
Questa mostra è un percorso che ripercorre nello specifico con vivide rappresentazioni le campagne antisemite del 1943.

Un altro evento di rilievo si è tenuto presso il Circolo Ufficiali della Marina Militare, il titolo di tale mostra è “Note e versi per la Shoah al femminile” della quale si è occupata la professoressa Suzana Glavas.

Questo percorso si sofferma sulla vita e le opere di tre poetesse ebree che persero la vita in diversi paesi dell’Europa dell’est ( nello specifico in Ungheria, Ucraina e Romania).

Una giornata della memoria molto sentita dalla città di Napoli che, con mostre e commemorazioni, tiene viva la memoria di ciò che è stato.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO