Arezzo: ladro moldavo ucciso per furto

La vittima è un giovane di 29 anni, di origine moldava che si chiamava Vitalie Tonjoc e insieme al suo amico complice hanno fatto irruzione nel capannone di un gommista

Arezzo, 28 novembre 2018 – Nella notte è stato ucciso un  ladro a Monte San Savino in provincia di Arezzo.

La vittima è un giovane di 29 anni, di origine moldava che si chiamava Vitalie Tonjoc e insieme al suo  amico complice hanno fatto irruzione nel capannone di un gommista 

Fredy Pacini, il titolare dell’azienda, esasperato dopo aver subito ben 38 furti  negli ultimi anni, dormiva dentro il capannone ormai da ben quattro anni.

Pacini, 57 anni, dormiva a  sonno pieno, si è  svegliato di soprassalto, è corso al piano di sotto e ha sparato contro i due che gli avevano sfondato il vetro, centrandone uno  alle gambe.Il ladro è stato ucciso con due colpi di arma da fuoco invece il suo complice è riuscito a darsi alla fuga.

Pacini , nonostante essere stato derubato più volte ,è indagato per eccesso di legittima difesa. 

Ma non è questa una normale reazione nei confronti di chi viola i tuoi spazi?

Chi da diritto  a queste persone di entrare in una proprietà privata?

La popolazione di Monte San Savino ai microfoni dichiara di essere stanca di questa situazione e di essere tutti dalla parte del signor Pacini.

21secolo_marcellamadaro

Sull’ agghiacciante episodio è intervenuto il ministro dell’interno, Matteo Salvini: “Dopo il Decreto Sicurezza, arriverà in Parlamento la nuova legge sulla Legittima Difesa.Io sto con chi si difende, entrare con la violenza in casa o nel negozio altrui, di giorno o di notte, legittima l’aggredito a difendere se stesso e la sua famiglia. La mia solidarietà al commerciante toscano, derubato 38 volte in pochi mesi: conti su di noi!’

Vani sono stati i tentativi di soccorso degli operatori del 118 che hanno constatato due ferite d’arma da fuoco al ginocchio e alla coscia e che  confermato la morta del giovane moldavo.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e i Pm di Cortona.Le indagini sono ancora in corso, per stabilire se Pacini ha agito per legittima difesa.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO