Wi-Fi libero, la fiducia degli italiani

Gli italiani ripongono una fiducia ben più elevata rispetto alla media europea nelle connessioni Wi-Fi libere. Lo conferma una ricerca

internet
internet

Nel mondo sempre più online in cui viviamo, avere a disposizione un Wi-Fi libero è sicuramente una grande comodità. Uno dei tanti piccoli piaceri quotidiani oggi è quello di connettersi a Internet per navigare senza preoccuparsi del consumo dei dati.

Ci sono però casi in cui anche la sicurezza passerà in secondo piano, infatti il 71% degli italiani dichiara che si fiderebbe di un Wi-Fi libero, collegando il proprio dispositivo aziendale anche nel caso in cui non venga richiesta alcuna credenziale di accesso. 

Le reti aperte sono particolari network accessibili a chiunque, indubbiamente molto utili, ma che portano con sé anche moltissime problematiche di sicurezza.

Un dato decisamente superiore rispetto a una media europea del 45%, riscontrata grazie ad una ricerca condotta da Palo Alto Networks, leader globale nella cybersecurity, in collaborazione con YouGov, e con il supporto della dottoressa Jessica Barker, psicologa esperta nella natura umana della cybersecurity.

La ricerca, il cui nome è “Trust In The Digital Age”, ha coinvolto 10.317 persone, di cui 1.021 italiane, per delineare una panoramica dettagliata riguardo le abitudini ed i comportamenti umani riguardo l’utilizzo di Internet e della conoscenza e consapevolezza delle misure di protezione da attuare per salvaguardare i propri dati.

“I risultati confermano la pericolosità potenziale del Wi-Fi libero, amplificata ulteriormente da una scarsa consapevolezza degli utenti che tendono a utilizzare dispositivi aziendali senza la dovuta attenzione. È fondamentale che le aziende sviluppino e definiscano corsi di formazione regolari per i dipendenti, per aggiornarli sui rischi di sicurezza IT, incrementare la loro consapevolezza, per accompagnarli verso l’adozione di best practice e lo sviluppo di un approccio preventivo, evitando così di diventare obiettivi degli hacker.”, afferma Umberto Pirovano, Manager, Systems Engineering Italia, Grecia, Cipro e Malta di Palo Alto Networks.

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO