Tex Willer: settanta anni di successo

Tex: compie settanta anni. Restano ancora pochissimi giorni per assistere alla magnifica esposizione ‘Tex settanta anni di un mito’. Una splendida rassegna.

Tex
Tex

Siena – Restano ancora pochissimi giorni per assistere alla magnifica esposizione di “Tex 70 anni di un mito”. Una strepitosa rassegna che racconta tutto il suo percorso passo per passo.

La mostra è stata inaugurata venerdì 22 novembre, al Santa Maria della Scala a Siena e si concluderà tra pochi giorni, per esattezza il 26 gennaio.

Un’occasione unica per i numerosi fans di Tex Willer, per conoscere tutta la storia del successo editoriale di questo incredibile personaggio che, grazie al suo profondo senso di giustizia e alla sua grande generosità, è riuscito per decine e decine di anni ad appassionare milioni di persone.
Lo storico e studioso del fumetto italiano, Gianni Bono ha organizzato con cura l’esposizione, in collaborazione con la redazione di Sergio Bonelli Editore e COMICON, il Salone Internazionale del Fumetto e del Gioco.
Il primo numero, in assoluto, di Tex è uscito in tutte le edicole, il 30 settembre del lontano 1948. Creato da Gianluigi Bonelli e realizzato graficamente da Aurelio Galleppini, Tex Willer, è diventato il più amato eroe del fumetto italiano e nessuno avrebbe  mai pensato che il suo successo sarebbe durato così a lungo.
I settanta anni di Tex Willer, infatti vengono celebrati con un’esposizione molto importante, dove si possono ammirare tanti disegni, bellissime fotografie, materiali rari, la prima vignetta di Tex in più lingue, il ritratto di Gianluigi Bonelli e con tutta la famiglia realizzato da Ferdinando Tacconi, le fotografie di Aurelio Galleppini e la  rara macchina da scrivere di Gianluigi Bonelli, decorata da lui stesso e conservata nella sala riunioni della Casa editrice, con la quale sono state create le prime avvincenti storie di Tex.
Un appuntamento che non si può assolutamente perdere, soprattutto per gli amanti di questo strepitoso personaggio che è entrato nella vita di tante persone, grandi e piccini di tutto il mondo.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO