Sicurezza sui mezzi pubblici: arrivano i militari

Vittoriaalessiamenna_21_secolo_circumvesuviana
circumvesuviana

Numerosi gli episodi di violenza verificatisi negli ultimi tempi a bordo dei mezzi pubblici o presso stazioni e fermate, ai danni di chi lì vi lavora e di semplici passeggeri. Uno degli ultimi casi in ordine di tempo è quello avvenuto poche settimane fa, sulla linea circumvesuviana Nola – Baiano, quando un macchinista è stato brutalmente colpito alla testa da un gruppo di cinque teppisti che viaggiavano senza biglietto.  Ma adesso pare sia arrivato il momento che più sicurezza venga garantita a lavoratori e viaggiatori, tramite il ricorso ai militari.

Proprio alla luce della sconcertante sequela di episodi di violenza avvenuti, EAV (Ente autonomo Volturno), Esercito Italiano e Forze dell’Ordine hanno deciso di dar vita ad un progetto volto a proprio a garantire maggiore sicurezza su treni, autobus, stazioni e fermate. L’iniziativa nasce dalla proposta pervenuta direttamente dal Presidente dell’EAV Umberto De Gregorio e subito condivisa dal Generale Consigliere Regionale Carmine De Pascale, che ha tempestivamente istituito un tavolo tecnico congiunto con i rappresentanti dell’Esercito e Forze dell’Ordine, portando così alla nascita di questo progetto condiviso tra i vari enti.

Nella mattinata di domani 27 gennaio 2016, alle ore 10.30, presso il Circolo Ufficiali, in Palazzo Salerno di Piazza Plebiscito, sarà sottoscritto il tanto atteso protocollo alla presenza di Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania. Da quanto trapelato sinora, più nello specifico, accanto ad EAV ed Esercito, figureranno anche i comandi di: Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato. Presto, quindi, sarà dato ufficialmente il via libea all’accesso dei militari e dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine su autobus e treni EAV al fine di garantire maggiore sicurezza. Obiettivo di questo progetto è infatti quello non soltanto di aumentare la percezione di sicurezza a bordo dei mezzi pubblici ma anche di contrastare nella maniera più efficace possibile la criminalità e ridurre gli atti vandalici che flagellano treni, stazioni e fermate.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO