Napoli-Crotone 2-1. Gli Azzurri salutano con vittoria

Ok
Il Napoli Saluta la fine del campionato con una vittoria deliziando i suoi tifosi

Finisce 2 a 1 la partita che conclude il campionato del Napoli allo stadio San Paolo davanti allo sfortunato Crotone, che vede invece aprirsi l’abisso della Serie B.

Davanti al pubblico delle grandi occasioni, mister Sarri nella partita che chiude la splendida annata, schiera in campo la seguente formazione: Reina, Mario Rui, koulibaly, Albiol, Hysaj, Zielinski, Jorginho, Allan, Insigne, Milik, Callejon. 

Il Crotone chiamato all’impresa disperata mette in campo, Cordaz, Faraoni, Ceccherini, Capuano, Martella, Barberis, Mandragora, Rhoden, Trotta, Simy, nalini . Arbitro Banti

Parte bene il Napoli, che mette in mostra il solito gioco veloce è fatto di tocchi di prima e al quarto minuto è Callejon,  che con un filtrante in area cerca il compagno libero, interviene però un difensore e libera. Al settimo minuto e Jorginho su punizione che calcia in area, anche questa palla viene però allontanata dai difensori. Al dodicesimo tocca invece a Piotr Zielinski, crossare in area, ma ancora una volta la difesa avversaria allontana. Il Crotone assiste purtroppo in maniera passiva fino a 23′ quando su perfetto cross di Lorenzo Insigne,  Arkadiusz Milik stacca bene e a distanza ravvicinata realizza la rete dell’uno a zero. Il Crotone accusa il colpo e non riesce a reagire,  schiacciato dalla preponderanza del Napolim che al ventinovesimo con Allan sfiora la rete del 2 a 0. E il prologo per quella che sarà l’azione che porterà il Napoli al raddoppio, infatti al 32esimo è ancora Lorenzo Insigne, che dalla sinistra crossa una splendida palla in area, finalizzata da Callejon, che calcia in rete. 2 a 0, gol partita. Al quarantaquattresimo è ancora Callejon, che calcia forte da fuori area, ma il portiere Cordaz devia in angolo. Al quarantacinquesimo l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi e nel rientro il Crotone pare un po’ più spigliato. Incomincia quindi la girandola delle sostituzioni Dries Mertens,  subentra ad Arkadiusz Milik, entrambi salutati con un caloroso applauso. È  proprio il belga che al settantacinquesimo su un passaggio al limite,  calcia nello specchio con la palla deviata di un soffio dal portiere contro il palo di sinistra. Nel frattempo Subentrano ancora Marek Hamsik al posto di Lorenzo Insigne e per i due calciatori simbolo di questa squadra è una standing ovation. Il capitano allunga ancora più il suo record di presenze con la maglia del Napoli, Lorenzo Insigne invece Saluta i tifosi dopo una stagione entusiasmante che lo ha visto alfiere della squadra Azzurra. Lascia invece sorpresi l’ultima soluzione adottata da Sarri, che sostituisce Allan con Marco Rog,  lì dove Invece tutti attendevano l’ingresso in campo di Christian Maggio relegato desolatamente in panchina, nell’ultima partita che lo ha visto indossare la casacca del Napoli. Al novantesimo c’è ancora tempo per il Crotone che realizza il gol della bandiera, con una bella palla di Marco Tumminello, che calcia dal limite incrociando l’angolino basso, alla destra di Reina, che nulla può. Non serve però per salvare il Crotone dalla retrocessione. Il Napoli Dunque saluta davanti ai propri tifosi, con una vittoria, la fine di questo campionato e chiude pertanto la stagione con 91, punti stabilendo l’ennesimo record della storia per numeri di punti raggiunti. Non bastano però questi a garantire la vittoria del titolo.

Dispiace invece salutare il Crotone nella giornata che ha segnato il commiato dalla Serie A, in una partita davvero difficile. Encomiabili i tifosi calabresi, giunti in gran numero per sostenere i propri beniamini, che nulla però hanno potuto di fronte allo strapotere della squadra Azzurra.

Fine dei giochi quindi per la squadra Azzurra, che ha comunque disputato il miglior calcio della serie A e all’unanimità è stata votata come la squadra che più di tutte avrebbe meritato la conquista dello scudetto. Non resta quindi ai giocatori, che riposare e ritemprarsi, in attesa del prossimo campionato, nel quale partiranno ancora una volta alla pari dei bianconeri, favoriti per la corsa scudetto.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO