Sardegna, 1000 euro di multa a”ladro di sabbia”

I carabinieri hanno fermato un turista inglese, a cui hanno sequestrato la sabbia sottratta e imposta una multa di 1000 euro

21secolo_sardegna_domenico_papaccio
Sardegna

Le spiagge italiane sono rinomate per la spettacolarità  offerta della limpidezza e il colorito di alcune aree, ma ancor più per la fisionomia delle sabbie che ritroviamo sui nostri lidi, presenti soprattutto tra il Mezzogiorno continentale, come le Cannelle in Calabria, o nelle isole italiane, come la spiaggia di Mondello a Palermo, oppure il litorale sardo della Gallura.

Soprattutto i turisti, in particolare quelli d’oltralpe sono tra i principali esecutori nel sottrarre, a mo’ di souvenir, la sabbia dalle nostre spiagge recando danni che a lungo andare sarebbero incomparabili.

Proprio l’isola dei quattro mori, la Sardegna è stata oggetto dell’ultimo fatto di cronaca atto a danneggiare il patrimonio naturale e la sua biodiversità.

La compagnia dei carabinieri di Siniscola, in provincia di Nuoro hanno fermato un turista inglese di 40 anni, con origini napoletane, cogliendolo in fragranza di reato, mentre raccoglieva della sabbia dal litorale di Gallura, conservandolo in una bottiglietta di plastica.

I carabinieri hanno provveduto immediatamente al sequestro del materiale e hanno inflitto all’uomo una pesante multa pari a 1000 euro.

Lo scorso anno proprio il WWF aveva allertato la regione Sardegna del grave danno arrecato all’ecosistema ambientale dell’isola e della sua fauna, registrando come i livelli di sottrazione negli anni sia aumentato in maniera vertiginosa.

Infatti, quest’anno, grazie al patrocinio della regione Sardegna, insieme al contributo dei volontari del WWF, hanno dato il via al programma ambientale “ultima spiaggia”, atto proprio a fermare la violenta rapacità con cui ogni anno, milioni di turisti, ignari del danno arrecato all’isola, portano via tonnellata di sabbia, rendendo difficoltosa la vita per gli animali, -soprattutto per le tartarughe in questo periodo in procinto di riprodursi- e per la vita della fauna e della flora marina e non solo.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO