San Ferdinando, incendio in una tendopoli

San Ferdinando, scoppiato incendio all'interno di una nuova tendopoli. Morto un migrante, il sindaco afferma "Purtroppo è accaduto ancora, speravamo non dover assistere più a drammi del genere", in un anno ci sono state tre vittime

San Ferdinando, Reggio Calabria, è morto un migrante di cui ancora non risultano essere note le generalità. Il fatto è avvenuto la notte scorsa, a causa di un incendio divampato nella nuova tendopoli gestita in un primo momento dal Comune, attualmente dalla Caritas.
L’incendio, secondo quanto si evince da una prima ricostruzione, si sarebbe sviluppato a partire da un angolo della tenda da sei posti, lì erano posizionati alcuni cavi elettrici.

Sono subito accorsi sul posto i vigili del fuoco, che con il loro intervento hanno domato le fiamme, facendo si che nell’incendio venisse distrutta solo una tenda.
La tendopoli è posta a poche centinaia di metri dalla vecchia baraccopoli, la quale nelle scorse settimane è stata completamente smantellata, all’interno della quale sono morti tre migranti in un anno a causa di incendi divampati nelle strutture fatiscenti.
La vecchia struttura ospitava anche 3.000 persone.
Le operazioni di sgombero, e poi di demolizione delle vecchie baracche, sono avvenute a partire dal 6 marzo, concludendosi il giorno successivo.

Nelle corso delle scorse settimane il Viminale ha stanziato 350mila euro per il Comune di San Ferdinando, destinati alla gestione della fase post-sgombero e al fine di ripristinare il decoro urbano garantendo “idonee condizioni di vivibilità sul territorio“.
“Speravamo di non dover più raccontare episodi come questi ma purtroppo è accaduto ancora. Le cause del rogo, che ha interessato una tenda, non sono ancora chiare e sono al lavoro i vigili del fuoco e la polizia Scientifica. Ora siamo in attesa di capire come sono andati i fatti. Certo è che è accaduto quello che non doveva accadere” afferma il sindaco di San Ferdinando, Andrea Tripodi, arrivato tempestivamente nel luogo dell’incendio.


Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO